E' molto atteso l'arrivo della sonda InSight, previsto per lunedì 26 Novembre, alle ore 21:53, su Marte. La sonda è partita dalla base spaziale di Vandenberg, in California, il 5 Maggio. La regione di Marte dove toccherà il suolo InSight, chiamata "Elysium Planita" è stata selezionata appositamente, tra altre venti, esaminate dai ricercatori americani, perché ritenuta la più conveniente per l'ammartaggio, grazie alle caratteristiche orografiche e ambientali. La discesa di InSight sarà frenata da uno scudo termico e da un paracadute. La durata della missione sarà di un anno o forse anche di più, grazie l'unica fonte di energia disponibile, i pannelli solari.

Gli altri rover presenti su Marte

Non molto lontano da Elysium Planita, in altre zone di Marte, si trovano altre macchine terrestri. Il rover più vicino, Curiosity, è stato lanciato il 26 Novembre 2011 ed è atterrato su Marte il 6 Agosto 2012. Mentre l'altro rover, Opportunity, più distante, è stato lanciato il 7 Luglio 2003 ed è atterrato sul pianeta il 25 Gennaio 2004.

InSight in italiano significa: "Esplorazione interna mediante l'utilizzo di indagini sismiche, geodesia e trasporto di calore". Lo scopo della missione è svelare quello che c'è all'interno del pianeta, cosa si nasconde nel sottosuolo e capirne l'evoluzione.

Le apparecchiature scaveranno, con una trivella, fino a cinque metri. Il desiderio è quello di rivelare cosa è accaduto 4,5 miliardi di anni fa [VIDEO], nel momento della formazione del sistema solare.

Sette minuti di terrore

Il momento più temuto in queste missioni è l'arrivo. Infatti fino ad ora, negli Stati Uniti, non tutti gli "atterraggi" hanno avuto esito favorevole. Gli ultimi minuti prima dell'atterraggio, infatti, vengono detti "sette minuti di terrore".

A bordo del rover è presente tecnologia italiana: un sismografo, uno strumento per localizzare la sonda, una stazione meteo, due telecamere e il laser LaRRI, uno strumento che è stato sviluppato dall'istituto nazionale di fisica nucleare (Infn), con l'aiuto dell'agenzia spaziale italiana.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Scienza

Secondo la NASA, nel 2035 anche l'uomo potrà andare su Marte, il viaggio durerebbe minimo 6 mesi. Per gli appassionati di missioni spaziali, è stato creato dalla NASA, un sito speciale, dove è possibile seguire il count down e gli altri momenti dell'avventura su Marte. Inoltre l'evento verrà seguito su Focus, sul canale 35 del digitale terrestre, con una puntata dedicata e condotta dal geologo e divulgatore scientifico, Luigi Bignami.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto