Una notizia che rasenta l'assurdo quella che giunge dalla Calabria, dove un uomo di 55 anni è deceduto a causa di una setticemia dopo essersi estratto i denti da solo, senza l'ausilio di uno specialista. L'uomo non sarebbe riuscito ad avere i soldi necessari per recarsi da un dentista e per questo motivo ha svolto l'operazione autonomamente. Purtroppo, una grave infezione ha provocato la setticemia e dopo qualche giorno la morte.

Calabria, si estrae i denti da solo e muore

Si chiamava Eugen Munteau, aveva 55 anni ed era di nazionalità romena, l'uomo che nella giornata di giovedì 3 gennaio è drammaticamente deceduto in provincia di Cosenza, precisamente nell'ospedale di Acri, dopo una grave setticemia.

Pubblicità

Dalle prime testimonianze raccolte dagli inquirenti, sembrerebbe che il 55enne abbia estratto autonomamente i denti, in quanto non si poteva permettere di pagare un dentista, e questo gli avrebbe provocato una grave infezione tramutata successivamente in una setticemia. L'uomo, dalle prime informazioni che ci giungono, viveva insieme alla sua compagna e con il fratello di lei. Erano tutti e tre giunti nel nostro Paese con molte speranze e sogni, con alle spalle scene di una vita da dimenticare. Eugen, insieme alla sua fidanzata e a suo cognato, era riuscito a trovare lavoro in un'azienda di Acri, purtroppo però, il suo contratto si è concluso con rivendicazioni e carte bollate.

Per questo motivo, tutti e tre si sono ritrovati senza un lavoro e senza una casa dove vivere, finendo letteralmente ad alloggiare per strada. Sono quindi dovuti andare ad abitare in una baracca, nel parco di Serralonga, a pochi chilometri di distanza dal centro cittadino.

Le forze dell'ordine e i servizi sociali, notando in che stato vivevano si sono interessati alle loro condizioni e hanno cercato in tutti i modi di aiutarli. Inoltre, don Giampiero Fiore aveva fatto sempre il possibile per procurare loro cibo e indumenti.

Pubblicità

Per diversi mesi si sono recati all'interno della Mensa del Girasole, gestita dall’associazione “Susy, sorriso di Dio" dove sono riusciti a mangiare giornalmente un pasto caldo.

Da diversi giorni però i tre non si facevano più vedere e avevano fatto perdere le loro tracce, fino a quando nella giornata di giovedì, è avvenuto il triste riepilogo. Il 55enne è stato trasportato d'urgenza in ospedale, ma purtroppo le sue condizioni di salute sono risultate essere troppo gravi e per questo motivo, nonostante i medici hanno cercato di fare il possibile per riuscire a salvarlo, non ci sono state possibilità di farlo sopravvivere.