Donald Trump, il presidente degli Stati Uniti d'America, ha recentemente pronunciato il discorso sullo Stato dell'Unione. Un discorso particolare, in quanto il Presidente ha dichiarato di volere unità, ma senza fare un passo indietro sulla questione del muro al confine con il Messico.

"Dobbiamo rigettare la Politica della vendetta, della resistenza, della punizione ed abbracciare il potenziale illimitato della cooperazione, del compromesso e del bene comune": così Trump ha iniziato il discorso, affermando anche che milioni di cittadini stavano ascoltando il discorso e desiderando un Congresso unito in grado di governare il Paese come una sola grande Nazione.

Pubblicità
Pubblicità

Un discorso iniziato in maniera promettente e durato 80 minuti tra gli applausi dei sostenitori del presidente, che ha continuato ad insistere sulla questione del muro, ritenendo un dovere morale proteggere la frontiera Americana.

Kim Jong-Un, la Cina e l'economia americana

Il presidente degli Stati Uniti d'America, poi, ha continuato il discorso difendendo la sua politica commerciale dura e inflessibile contro la Cina e annunciando un secondo incontro, il 27 e 28 febbraio 2019, con Kim Jong-Un, dittatore della Corea del Nord.

Donald Trump, presidente degli Stati Uniti d'America
Donald Trump, presidente degli Stati Uniti d'America

Il discorso economico, dalla questione della Cina, è poi virato sull'economia americana come "invidia del mondo" messa a rischio dal Russiagate, che Trump definisce un'indagine ridicola. Il Presidente ha poi richiesto uno sforzo per debellare l'Aids entro 10 anni, una legge per vietare l'aborto tardivo e ha annunciato che intende richiamare i militari americani dalla Siria, pur confermando di voler debellare l'Isis.

Un discorso che ha toccato molti punti della politica americana, tutti estremamente delicati, e che ha rivelato la debolezza dell'unità del Congresso, nettamente diviso tra Camera democratica e Senato repubblicano.

Pubblicità

La risposta dei democratici: nuovo shutdown in arrivo

I democratici, poi, tramite le parole di Stacey Abrams, hanno attaccato Trump accusandolo di aver sfruttato lo shutdown come mezzo per ottenere i soldi per il muro con il Messico [VIDEO]. Una questione, quella del muro, per la quale Trump è stato incalzato anche da Xavier Becerra, procuratore generale della California, che ha sottolineato l'ossessione del Presidente per questo progetto.

Un nuovo shutdown è una spada di Damocle che pende sull'America, non a caso il termine per trovare un nuovo accordo sul bilancio di governo per evitarlo è il 15 febbraio.

Shutdown o meno, in ogni caso, il gradimento di Trump al discorso sullo Stato dell'Unione era al 37%, ma che la sua popolarità fosse in discesa si era già capito dalle elezioni di midterm americane.

Leggi tutto e guarda il video