In Messico, nella cittadina di Huehuetoca, venerdì 8 febbraio una bimba di 4 mesi è stata portata all'Ospedale in fin di vita da un uomo di 43 anni, Leonardo N, suo padre. La bambina che era in condizioni gravissime ha subito riportato gravi segni di violenza e lesioni e poco dopo è stata dichiarata morta dal personale sanitario. In seguito il suo corpicino è stato sottoposto ad accurate analisi di controllo per confermare la diagnosi e la causa del decesso.

I dettagli della vicenda

Come riferisce il noto sito Fanpage, l'uomo è arrivato in ospedale con la piccola in braccio, urlando e dichiarando che l'aveva da poco ritrovata in quelle condizioni all'interno della sua culla e che poi si era accorto che non respirava più. Purtroppo appena i medici hanno soccorso la bimba si sono resi subito conto che non mostrava più alcun segno vitale e non hanno potuto fare nulla per lei se non dichiararne il decesso.

Ad uccidere la bambina sarebbe stato il padre

Non c'è voluto molto prima che la vicenda prendesse una "piega" diversa. Durante una delle prime visite eseguite, infatti, i medici hanno compiuto una scoperta inattesa e alquanto agghiacciante, ossia che la bimba riportava diversi segni di violenza e così hanno avvertito immediatamente le autorità interessate. La polizia ha inizialmente ipotizzato che ad uccidere e stuprare la bambina fosse stato proprio il padre che l'ha portata in ospedale.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Successivi riscontri clinici ordinati dal giudice, hanno infatti confermato che la piccola sarebbe stata prima violentata e poi successivamente strangolata, presumibilmente da suo padre.

Il colpevole è stato subito arrestato

La polizia ha fermato e interrogato l'uomo che è stato messo davanti ad alcune prove a suo carico ed è caduto in ripetute contraddizioni che hanno portato alla sua immediata carcerazione.

Al momento è stato infatti arrestato ed è detenuto nel carcere di Cuautitlán, dove rimarrà sino alla fine del processo.

Tutta la comunità della cittadina messicana è rimasta notevolmente turbata e sconvolta per l'ennesima e brutale tragedia di violenza familiare che ha colpito una bimba innocente di appena 4 mesi. Nelle prossime ore o al massimo nei prossimi giorni ulteriori indagini dovranno chiarire e verificare la vera dinamica della vicenda e accertare le cause dell'orribile "mattanza" eseguita dall'uomo.

Negli ultimi tempi purtroppo ci sono stati diversi episodi nel mondo che riguardano maltrattamenti e violenze ai danni di bambini piccoli.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto