I carabinieri del Nucleo Radiomobile di Firenze Centro hanno arrestato due pregiudicati di nazionalità marocchina, rispettivamente di 22 e 25 anni, per rapina aggravata. I due uomini sono stati accusati di avere avvicinato intenzionalmente un gruppo di ragazzi, armati di coltello a scopo di rapina. I due trasgressori sono stati bloccati dai militari dell'arma quasi in flagranza di reato, intenti ad allontanarsi dal luogo dell'illecito dopo il fatto.

La rapina a mano armata

Il reato contestato a due marocchini, pluripregiudicati e residenti sul territorio italiano da qualche tempo è stato commesso sabato scorso, in tarda serata, in una strada adiacente a Piazza dell'Unità Italiana a Firenze. Un gruppo di ragazzi, stava percorrendo per motivi di svago una delle strade parallele, poco distanti al centro della città, quando due giovani sulla ventina hanno avvicinato la comitiva.

I due malviventi, armati di coltello hanno immediatamente minacciato alcuni componenti della congrega di amici. Successivamente, i due extracomunitari hanno intimato alle vittime di consegnargli tutto quello che avevano. Poi, hanno rapinato un minorenne portandogli via denaro contante, un cellulare e auricolari per smartphone. Infine, gli stranieri si sono allontanati velocemente dal luogo dell'aggressione cercando di fare perdere le loro tracce.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

I ragazzi della comitiva non si sono persi d'animo, dopo avere allertato le forze dell'ordine hanno seguito i due malfattori permettendo ai carabinieri del luogo di rintracciarli e di bloccarli.

L'intervento dei carabinieri

I carabinieri del Nucleo radiomobile di Firenze sono intervenuti immediatamente sul luogo dell'illecito, a seguito di una segnalazione pervenuta al numero di emergenza nazionale 112.

I militari dell'arma, grazie all'aiuto coraggioso delle vittime hanno potuto rintracciare tempestivamente i due presunti colpevoli. Alla vista, degli inquirenti i due marocchini hanno tentato di disfarsi del corpo contundente e del cellulare, buttandoli a terra. La refurtiva e l'oggetto d'offesa sono però stati recuperati prontamente dagli uomini della benemerita. In seguito, gli investigatori hanno sottoposto a perquisizione personale i due presunti rapinatori, rinvenendo la somma di denaro sottratta e gli auricolari.

Le forze armate hanno subito tratto in arresto i due pregiudicati per rapina aggravata e li hanno tradotti presso la caserma più vicina. La refurtiva recuperata è stata restituita al legittimo proprietario.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto