Erano le 13:40 locali in Nuova Zelanda quando un uomo tra i trenta e i quarant’anni ha iniziato ad aprire il fuoco nella prima moschea di Al Noor. Secondo i testimoni, l’attentatore indossava una divisa militare, particolare che non ha fatto insospettire nessuno prima che aprisse il fuoco.

I particolari della vicenda e le testimonianze

Erano appena scoccate le 13:40 in Nuova Zelanda – ossia l’una e quaranta di notte in Italia – quando tre uomini e una donna hanno iniziato ad aprire il fuoco su numerosi fedeli radunati in preghiera nella moschea di Al Noor.

Purtroppo la tragedia non si è limitata solamente a questo luogo di culto ma bensì a due. Essendo il venerdì un giorno di preghiera per la religione musulmana, entrambi i luoghi di culto erano pieni di fedeli riuniti per le loro celebrazioni, i quali sono inconsciamente andati incontro a un terribile destino dettato principalmente dall’odio e poca tolleranza.

Alcuni dei testimoni affermano di aver visto quattro persone armate entrare, prima ad Al Noor e successivamente a Masjid, con un’uniforme militare e dei fucili carichi nelle mani.

In entrambi i luoghi c’erano approssimativamente trecento fedeli che, prima gli uomini e poi le donne e bambini, sono stati massacrati senza pietà alcuna.

Ciò che rende ancora più sconcertante la vicenda è il fatto che i killer abbiano addirittura voluto prendersi gioco delle vittime e dei cittadini neozelandesi postando sui social il video in streaming del suo attacco. Quello che emerge dalle riprese e dalle fotografie dello stesso attentatore è una premeditazione dell’attacco giacché sulle armi erano presenti numerosi nomi di altri attentatori, quasi a voler rendere loro omaggio.

Secondo le prime ricostruzioni, uno dei killer si chiamerebbe Scott Morrison e sarebbe di nazionalità australiana.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

L’uomo, poco prima delle stragi, aveva pubblicato un manifesto di ben ottantasette pagine contro i musulmani e gli immigrati, azione che ricorda un altro attacco terroristico famoso compiuto dal norvegese Anders Breivik all’isola di Utoya nel 2011.

I terroristi in stato di fermo

In base a quanto dichiarato dalla polizia, gli attentatori sarebbero stati già individuati ed arrestati: si tratta di quattro persone, tra cui una donna.

Al comando della strage ci sarebbe Brenton Tarrant, ventottenne australiano che nonostante tutto continua a definirsi una normalissima persona che tiene alla Nuova Zelanda.

La polizia ha deciso di trattenere gli indagati ma anche di porre un veto di preghiera in moschea momentaneo per tutti i musulmani. Si crede infatti che l’attacco di questo venerdì non sia isolato e che faccia parte di una rete ben fitta di attentati contro altre religioni e credenze dato che, nelle scorse ore, sono stati ritrovati anche degli esplosivi nei pressi della manifestazione pacifica per il clima.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto