Gli accertamenti disposti dalla Procura della Repubblica di Sassari parlano chiaro. E.L., 35 anni, sassarese, era completamente ubriaco, domenica sera, quando si è messo alla guida della sua auto e si è schiantato contro un’altra vettura. In via Caniga, a Sassari. Per questo motivo è stato infatti indagato per “omicidio stradale”, si legge nelle carte. Nel terribile incidente infatti ha perso la vita Manuel Manca: un giovane operaio sassarese di 27 anni, che quella maledetta sera viaggiava nel sedile accanto all’autista.

Pubblicità
Pubblicità

Per lui non c’è stato niente da fare: è morto sul colpo. Troppo gravi le ferite riportate nello schianto. Tutti gli accertamenti – disposti dal sostituto procuratore della Repubblica di Sassari, Paolo Pira – hanno stabilito che il tasso alcolemico di E.L., che era alla guida dell’auto che ha provocato l’incidente, era altissimo: sfiorava i 2 grammi. Praticamente quattro volte superiore al limite consentito dalla legge.

Pubblicità

Insomma L. domenica non era affatto lucido e non si sarebbe dovuto mettere alla guida dell’auto. Ed è proprio questo il motivo per cui il sostituto procuratore della Repubblica l’ha indagato per “omicidio stradale”. Ora sarà compito della Procura decidere come procedere nei suoi confronti: potrebbe anche scattare l’arresto.

Uno schianto mortale

Nell’incidente accaduto domenica sera in via Caniga, a Sassari, è rimasta coinvolta anche una ragazza.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Jessica Cesaracciu, 27enne anche lei sassarese, che ora è ricoverata in coma farmacologico nel reparto di Rianimazione dell’ospedale di Sassari. La giovane, che viaggiava insieme ai suoi tre figli, di uno, tre e sette anni, nel sedile posteriore dell’auto guidata da E.L., è riuscita a proteggere i suoi bambini dallo schianto. Avrebbe infatti fatto da scudo con il suo copro. Dalle indagini infatti risulterebbe che nell’automobile – tra l’altro assolutamente priva di assicurazione – non ci sarebbero stati nemmeno i seggiolini per trasportare i bambini: obbligatori per legge in tutte le automobili.

I rilievi di rito effettuati dagli uomini della Polizia Municipale di Sassari – coordinati dal dirigente Inti Piras – dovranno cercare di stabilire la dinamica di un incidente che avrebbe potuto provocare conseguenze ancora più tragiche. Nel sinistro infatti è stata coinvolta un’altra auto il cui conducente – fortunatamente – non ha riportato gravi ferite.

La ricostruzione degli inquirenti

Secondo i primi accertamenti effettuati dagli investigatori della Polizia Municipale di Sassari, l’ipotesi più accreditata è che la Hyundai Accent – guidata da E.L.

Pubblicità

– probabilmente per una distrazione e forse per l’eccessiva velocità, avrebbe prima colpito violentemente un guardrail. Facendo perdere il controllo all’autista, prima di imbarcarsi e poi andare ad invadere la corsia opposta, dove si è schiantata contro un’Afa 156. L’urto è stato violentissimo e nonostante Manuel Manca indossasse la cintura di sicurezza, per lui non c’è stato nulla da fare: troppo gravi le ferite riportate nello schianto.

Pubblicità

L'autista invece ha riportato fratture in tutto il corpo ed è ricoverato non in gravi condizioni nel reparto di ortopedia. Insieme a lui il guidatore dell’alfa 156 che, fortunatamente, ha riportato una frattura al braccio e guarirà con qualche mese di cure e di riposo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto