È stato seviziato da 14 ragazzini, molestato e picchiato, un uomo pensionato di 66 anni affetto da gravi problemi psichici. La vittima, dopo essere rimasta reclusa nel suo appartamento per paura di incontrare i suoi aguzzini, grazie all'intervento delle forze dell’ordine è stata trasportata in ospedale ma, dopo pochi giorni date le sue gravi condizioni è deceduta. Indagata la baby gang composta da 14 ragazzi, di cui 12 minorenni. Immediata l’esecuzione delle indagini che ha portato alla luce i numerosi video effettuati dagli aguzzini mentre torturavano l’anziano signore e lo scambio di messaggi in chat tra i componenti della baby gang.

Pubblicità
Pubblicità

'Come l’avete combinato il pazzo?'

Questo e tanti altri messaggi sono stati rinvenuti dagli inquirenti che, dopo il decesso del 66enne di Manduria con gravi problemi psichici, picchiato e molestato da una baby gang di giovanissimi che si divertiva ad insultarlo e malmenarlo riprendendo il tutto e diffondendo i video sul web, hanno avviato le indagini per omicidio colposo. Tra le chat esaminate dai carabinieri di Manduria, un paesino in provincia di Taranto, rinvenuti anche alcuni messaggi dove i giovani parlano della sottrazione di una somma cospicua di denaro effettuata ai danni della vittima.

Pubblicità

Esaminati anche i video girati da alcuni elementi della baby gang che mostrano come l’anziano veniva torturato e colpito ripetutamente con mazze di scopa e altri oggetti.

Bullismo nei confronti di un pensionato: deceduto 66enne

Antonio Cosimo Stano, dopo aver subito veri e propri atti di bullismo da parte di una baby gang composta da 12 minorenni e due maggiorenni tutti originari di Manduria, si era recluso all'interno del suo appartamento proprio per il timore e la paura di incontrare coloro che ormai da tempo lo picchiavano aggressivamente e lo riprendevano con un cellulare mentre lui, indifeso e con problemi psichici, subiva le torture e le vessazioni.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

È deceduto in ospedale, dove è riuscito ad arrivarci grazie all'intervento delle forze dell’ordine che hanno messo fine alla sua reclusione all'interno dell’appartamento dove l’uomo impaurito si nascondeva. La vittima, secondo quanto rinvenuto al termine delle indagini, per diverso tempo è stata picchiata con pali di scopa e tubi flessibili da questi giovani bulli che hanno approfittato della sua condizione e si sono divertiti sul suo corpo fino a portare alla morte il pensionato 66enne.

Dopo la morte dell’uomo, grazie alle accurate indagini effettuate dai Carabinieri di Manduria, sono stati rinvenuti gli agghiaccianti video effettuati dalla baby gang: i ragazzi entrano in azione in casa dell’uomo, qualcuno urla, qualcuno inizia a malmenarlo con una scopa, altri usano dei tubi per picchiarlo e qualcuno la frusta. Ricoprono la testa dell’uomo con un maglione e continuano a divertirsi picchiandolo ripetutamente, umiliandolo e deridendolo.

Pubblicità

Antonio, preso a calci e pugni per giorni, derubato e umiliato, è stato trasportato in ospedale grazie all'intervento delle forze dell’ordine: li, abbandonato al suo destino, ha trascorso i suoi ultimi giorni di vita.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto