Una bruttissima tragedia si è verificata nella giornata di martedì 3 settembre a Baiyangping, una città situata in Cina, precisamente nella provincia dell'Hubei. Secondo quanto riferisce la stampa internazionale, un soggetto intorno ai 40 anni è stato arrestato dalla Polizia in quanto avrebbe fatto irruzione in una Scuola elementare uccidendo otto bambini.

Le autorità locali informano che l'omicida sarebbe uscito dal carcere a giugno scorso, in quanto aveva finito di scontare una condanna per tentato omicidio.

Non sono noti ancora i motivi precisi che hanno portato il 40enne ad agire in modo così efferato contro dei bambini innocenti. L'uomo avrebbe colpito gli infanti con un coltello.

La scuola era appena cominciata

Proprio in questi giorni in Cina è cominciato l'anno scolastico e secondo quanto riferisce la testata giornalistica online Today, il delitto si è consumato proprio durante il primo giorno delle lezioni.

Oltre agli otto ragazzini uccisi, altri due scolari sarebbero rimasti feriti e sono stati ricoverati presso il locale nosocomio, ma non rischierebbero comunque la vita.

Quando l'uomo è entrato nell'edificio scolastico i piccoli erano intenti a fare una festa per salutare il nuovo anno. C'era tanto entusiasmo nell'aria, ma all'improvviso il malintenzionato ha cominciato a colpire le giovani vittime.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera Scuola

Sul posto, nei momenti immediatamente successivi al fatto di cronaca, si sono recati i soccorsi e la Polizia, che ha provveduto a bloccare l'uomo e ad arrestarlo praticamente nell'immediatezza dei fatti.

Le autorità cinesi riferiscono che non è il primo episodio del genere che si verifica nel "Paese del dragone": in questi ultimi mesi infatti drammi del genere si sono moltiplicati in maniera preoccupante.

Altri bambini erano stati uccisi negli scorsi mesi nelle scuole cinesi

In Cina negli scorsi mesi, sempre in una scuola, sono stati uccisi altri due bimbi, mentre a gennaio un bidello ferì gravemente 20 infanti a Pechino. Uno dei drammi più sconcertanti accadde ad aprile, scorso quando nove studenti furono uccisi all'esterno di una scuola media, in una città che si trova nella provincia dello Shaanxi.

In quest'ultimo caso l'omicida dichiarò che in quell'istituto era stato bullizzato da piccolo, e per questo avrebbe deciso di mettere in atto una sorta di "vendetta". Gli autori di tutti questi crimini sono stati arrestati.

Sicuramente nei prossimi giorni, o al massimo nelle prossime settimane, si potranno avere ulteriori chiarimenti su quanto accaduto il 3 settembre nell'Hubei. La vicenda in questione ha sconvolto l'intera nazione ed è stata ripresa dai maggiori quotidiani del mondo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto