L'Iran ha attaccato due basi americane in Iraq questa notte, dando così inizio all'operazione "Soleimani martire". L'attacco è avvenuto intorno all'1:20 (ora locale, mezzanotte in Italia) ed ha colpito le basi di Ayn al-Asad ed Erbil. Da un primo bilancio, secondo fonti iraniane ci sarebbero 80 vittime, ma il bilancio non è stato al momento confermato da altre fonti. Trump ha twittato che "Va tutto bene" e che si sta procedendo alla verifica dei danni.

Operazione Soleimani Martire: primo attacco questa notte

L'operazione Soleimani Martire ha avuto inizio questa notte, intorno all'1:20 dell'8 gennaio. L'Iran ha attaccato due basi americane (Ayn al-Asad ed Erbil) per vendicare l'uccisione del generale Qassem Soleimani, avvenuta venerdì scorso a Baghdad alla stessa ora. Teheran ha usato i missili di propria produzione, Ghiam e Fateh, e al momento, stando a quanto appreso dalle fonti iraniane, si conterebbero 80 vittime.

Il personale italiano presente ad Erbil è rimasto illeso, rifugiandosi in appositi bunker.

La Task Force Land è presente dal 2015 con 400 militari italiani ed è inserita nel Kurdistan Training Coordination Center (KTCC) al quale contribuiscono nove nazioni. Gli istruttori italiani si occupano di addestramento in varie discipline: pronto soccorso, uso artiglieria e bonifica degli ordigni improvvisati.

La reazione da parte della Casa Bianca è stata immediata, con una riunione del Consiglio Nazionale durata circa due ore.

Donald Trump, il segretario di Stato Mark Pompeo e il capo del Pentagono Mark Esper decideranno come comportarsi in seguito all'attacco di questa notte. il Presidente americano ha twittato nella notte che "Va tutto bene" e che stanno facendo il punto della situazione, valutando i danni subìti. Nella mattinata di oggi, 8 gennaio, è prevista una dichiarazione ufficiale in merito ai fatti di questa notte.

Per Zarif non ci sarà nessuna guerra, ma l'Iran è pronto a difendersi

Javad Zarif, il Ministro degli Esteri iraniano, ha dichiarato che si è trattato di una vendetta per rivendicare la morte di Soleimani. "Non vogliamo una guerra", ha precisato il ministro, pur ribadendo che l'Iran è pronto a difendersi. Le autorità americane dell'aviazione (Faa) hanno posto il divieto di voli civili su Iran, Iraq, Golfo dell'Oman e Golfo Persico. La Faa ha dichiarato che continuerà a monitorare tutti gli eventi in Medio Oriente.

Il leader supremo Ali Khamenei ha affermato, attraverso un messaggio televisivo, che l'attacco missilistico di questa notte non è ancora sufficiente e che la presenza corrotta degli Stati Uniti dovrebbe finire al più presto.

La Gran Bretagna ha condannato la reazione iraniana, esprimendo preoccupazione per le presunte vittime.

Segui la pagina Politica
Segui
Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!