Sono scomparsi nel nulla domenica pomeriggio, da Dolianova. Si chiamano Davide e Massimiliano Mirabello, sono fratelli e hanno rispettivamente 40 e 36 anni. Da tempo si sono trasferiti nel paesino del sud Sardegna, lasciando la Calabria dove sono nati. Il pomeriggio di domenica, quando da poco erano passate le 15:30, i due fratelli si sarebbero allontanati a bordo dell’auto di Davide, come hanno raccontato diversi testimoni ai Carabinieri, auto che poi è stata ritrovata bruciata. Nelle vicinanze, sull’asfalto anche diverse tracce di sangue.

Da quel momento in poi non si hanno più avuto notizie di loro. La prima ad accorgersi della loro scomparsa è stata la sorella Eleonora, che vive a Roma. "La conferma della loro scomparsa mi è stata data da mia cognata – racconta la donna ai Carabinieri – la compagna di Massimo mi ha detto che sono usciti con l’auto di tutta fretta ma ha pensato che sarebbero rientrati presto. Aiutatemi a trovarli".

La donna, come spesso accadeva, si sentiva con i suoi fratelli. Domenica però, nonostante le numerose telefonate, non è riuscita a mettersi in comunicazione con loro e dopo ha saputo che uno di loro aveva avuto una discussione con il vicino (non era la prima volta), dopo di che Davide e Massimiliano si sarebbero allontanati con la loro auto.

Spaventata dalla situazione la donna domenica ha denunciato la loro scomparsa ai Carabinieri di una stazione della Capitale. Poi lunedì mattina si è imbarcata su un aereo ed ha raggiunto la Sardegna per partecipare alle ricerche. I Carabinieri hanno accertato che il telefono cellulare di Davide è spento da domenica, mentre quello del fratello Massimiliano è stato trovato nella loro abitazione.

L’incontro con il vicino

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori dei Carabinieri, domenica pomeriggio Davide sarebbe uscito di casa con la sua automobile, non si sa per andare dove. Quando dopo poco fa rientro a casa passa davanti all’abitazione di un vicino con il quale, in passato, aveva avuto una serie di discussioni pesanti, seguite da denunce e controdenunce. Poco tempo fa addirittura il cane di Davide era stato ritrovato ucciso davanti alla porta di casa: una sorta di intimidazione insomma.

"Domenica pomeriggio, il loro vicino di casa – racconta la sorella Eleonora ai Carabinieri – quando mio fratello Davide è passato di fronte alla sua abitazione, ha sputato in terra. Un gesto di totale disprezzo insomma. E quando l’altro mio fratello l’ha saputo – continua la donna – è immediatamente uscito di casa per raggiungerlo. Questo me lo ha raccontato mia cognata che spaventatissima si è subito preoccupata. Anche lei ha denunciato la scomparsa di mio fratello, suo compagno di vita". Da quel momento in poi Davide e Massimiliano sono scomparsi nel nulla, così come la loro automobile. "Non è possibile che due persone – si chiede Eleonora – spariscano così nel nulla con la loro automobile.

Vi prego aiutatemi a ritrovarli".

Due ragazzi normali

Ieri mattina la compagna di Massimiliano ha presentato un’altra denuncia di scomparsa. Nel frattempo i Carabinieri e gli uomini della Protezione Civile stanno perlustrando le campagne circostanti. I due fratelli infatti da tempo vivevano a Dolianova mentre le altre sorelle avevano scelto Roma. Massimiliano infatti per amore aveva deciso di trasferirsi in Sardegna, la compagna è del paese da cui è scomparso. Poi quando è riuscito a sistemarsi per bene ha convinto anche il fratello Davide a raggiungerlo per lavorare. L’uomo infatti, con un divorzio alle spalle, ha subito colto la palla al balzo ed è arrivato in Sardegna.

I due si davano sempre da fare, per essere autonomi. Lavoravano in campagna, potavano le vigne, aiutavano gli agricoltori della zona insomma. Due persone conosciute e ben volute da tutti che non hanno mai creato problemi. L’unico neo nella vita di Davide le pesanti discussioni con il vicino di casa che sono degenerate in diverse denunce. Per questo motivo i Carabinieri hanno interrogato l’uomo per cercare di capire cosa possa essere successo domenica pomeriggio. Le indagini sono ancora in corso e ci saranno degli aggiornamenti.

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!