Papa Francesco ha incontrato diversi genitori con figli Lgbt dell’associazione Tenda di Giornata nei giorni tragici che hanno seguito la morte della 18enne di Caivano, Maria Paola Gaglione, uccisa dal fratello a causa della sua relazione con un ragazzo trans, Ciro Migliore. Come riportato dal quotidiano Avvenire, l’incontro è avvenuto proprio il giorno successivo ai funerali della giovane vittima, coinvolgendo circa una quarantina tra padri e madri con figli Lgbt.

Bergoglio: 'Il Papa ama i vostri figli così come sono, perché sono figli di Dio'

In occasione dell’incontro, Bergoglio [VIDEO] ha fin da subito rassicurato le famiglie con figli Lgbt: “Il Papa ama i vostri figli così come sono, perché sono figli di Dio”, dimostrando un primo segnale di apertura da parte della Chiesa.

Mara Grassi, vicepresidente dell’associazione Tenda di Giornata, assieme al marito, Agostino Usai, hanno poi regalato al Papa un libro dal titolo “Genitori fortunati”. Il volume, tradotto in spagnolo per l’occasione, parla di alcune difficili esperienze ecclesiali che queste famiglie sono state costrette a vivere per il semplice fatto di essere genitori di figli Lgbt. Assieme a questo primo regalo, è stata poi donata una maglietta color arcobaleno che raffigura la scritta “nell’amore non c’è timore”.

Infine, sono state poi consegnate anche alcune lettere sia di speranza che di protesta, scritte da queste famiglie, molte delle quali hanno raccontato degli ostacoli e delle difficoltà che hanno sperimentato nell'ingresso nelle comunità ecclesiali, dato il clima di chiusura che molto spesso le caratterizza.

Lo scopo dell’associazione Tenda di Giornata: 'Vogliamo creare un ponte' che superi i pregiudizi

Mara Grassi ha poi lasciato alcune dichiarazioni sull’associazione Tenda di Giornata, spiegandone le ragioni per le quali questa è nata. “La nostra associazione – ha spiegato la vicepresidente in riferimento alle parole del Pontefice - vuole far dialogare la Chiesa e le famiglie con figli Lgbt”.

Lo scopo, ha poi ribadito la stessa Mara, è quello di “creare un ponte” che permetta di superare i pregiudizi ancora fortemente radicati all’interno della comunità ecclesiastica.

La risposta di Bergoglio: 'La Chiesa non li esclude'

Papa Francesco si è dimostrato subito aperto alle richieste dell’associazione e in riferimento ai figli Lgbt, ha affermato serenamente che “la Chiesa non li esclude perché li ama profondamente”.

Subito è arrivato quindi il sorriso di Mara Grassi, madre di quattro figli, di cui uno omosessuale, in segno dell’armonia ritrovata e di una “profonda sintonia” che difficilmente dimenticherà.

Segui la pagina Papa Francesco
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!