Quattro uomini sono protagonisti delle nuove intercettazioni raccolte nel corso delle indagini sulla scomparsa da Mazara del Vallo di Denise Pipitone, essi vengono definiti nello specifico come "il vecchio", Luigi, Giuseppe e Asparino.

Ieri sera, mercoledì 17 novembre, Chi l'ha visto? ha dedicato ampio spazio al caso di Cronaca Nera e ha rilanciato l'appello di mamma Piera Maggio. La donna dal 2004 non ha mai smesso di cercare la figlia, che oggi avrebbe 21 anni e si oppone con forza alla richiesta di archiviazione avanzata, nelle scorse settimane dalla procura di Marsala.

Nuove intercettazioni relative alla scomparsa di Denise

Federica Sciarelli, nell'ultima puntata di Chi l'ha visto?, ha ripercorso la scomparsa della piccola Denise e ha proposto alcune intercettazioni ambientali rimaste finora inedite che potrebbero avere qualcosa a che fare con la misteriosa sparizione della piccola.

Nella ricostruzione spuntano un tale Luigi, un certo Giuseppe, un uomo chiamato Asparino e un “vecchio innominabile”. A quest'ultimo fa riferimento anche Anna Corona - ex moglie di Pietro Pullizzi, papà naturale di Denise - con la madre Antonietta Lo Cicero. Nell'audio, si sente l'anziana domandare alla figlia "Cosa ti ha detto il Vecchio", ma Anna decisa l'ammonisce sottolineando che deve rimanere "innominabile": “Lui non esiste, non deve esistere”.

In un'altra intercettazione, invece, Antonietta Lo Cicero, ha affermato: "A li voti pensu ca Luigi s’ha purtau” (traducibile in "se l'è portata"). Non è chiaro di chi stessero parlando e, inevitabilmente, ci si domanda se stessero ripensando a Denise.

L'appello della mamma di Denise

In un'altra intercettazione tra Anna Corona e la figlia Alice, invece, spuntano due nomi: Giuseppe ed Asparino.

Quest'ultimo, si era pensato che potesse essere Gaspare Ghaleb, l'ex fidanzato dell'altra figlia di Anna, Jessica. Tuttavia, il giovane ha escluso la possibilità che le due donne potessero aver fatto riferimento a lui. Il nome di Giuseppe, invece, è stato fatto il 25 maggio scorso. In dialetto siciliano, Anna ha detto alla figlia Alice "Vuoi sapere chi è stato quella volta?

Siamo stati io e Giuseppe".

Le parti civili credono che nelle intercettazioni raccolte durante le indagini si facesse riferimento anche al rapimento di Denise. Mamma Piera, anche per questo, non vuole che si chiuda l'inchiesta e, anche ieri sera, ha chiesto che non si smetta di cercare. "È stata rapita deliberatamente" ha dichiarato ai microfoni della Sciarelli. "Chi ha commesso questo reato vigliacco - ha continuato - si starà dicendo siamo rimasti impuniti, ce l'abbiamo fatta". Poi, si è rivolta direttamente alla figlia: "Se riesci a ricordare qualcosa della tua infanzia - le ha detto - sappi che noi siamo la tua vera famiglia…”