Nella giornata di sabato 27 novembre, durante la diretta di Toscana Tv, la giornalista sportiva Greta Beccaglia si trovava a Empoli fuori dallo stadio Carlo Castellani, quando alcuni tifosi si sono avvicinati a lei. Dapprima un individuo le ha palpeggiato il sedere dopo essersi sputato su una mano, e poi altri hanno proseguito rivolgendole apprezzamenti squallidi. La cronista si è dovuta prontamente difendere, ma non solo dai tifosi che cercavano di darle fastidio, anche dal comportamento del conduttore della trasmissione che dallo studio le diceva: "Non prendertela".

Greta Beccaglia, cosa è accaduto dopo la partita Empoli-Fiorentina

La cronista sportiva, dopo l'incontro di Serie A Empoli-Fiorentina [VIDEO], è stata molestata in diretta televisiva da alcuni tifosi che uscivano dallo stadio. Un uomo ha allungato le mani sul suo fondoschiena e altri due le hanno rivolto commenti per nulla piacevoli, mentre lei era in collegamento con la trasmissione 'A tutto gol'. Il video dell’accaduto è stato tra i più visti nel fine settimana ed è stato oggetto di numerose critiche, sollevando una forte indignazione e numerose manifestazioni di solidarietà nei confronti della giornalista. Beccaglia ha avuto subito la prontezza di rispondere al tifoso dicendogli "Non puoi fare questo, mi dispiace", ma per tutta risposta il collega in studio le ha replicato di "non prendersela".

Raccontando le brutte sensazioni che ha ancora addosso, Greta ha commentato l'accaduto dicendo di essersi sentita "oltraggiata e violata. Mi sono anche sentita in colpa e mi sono detta che quei jeans non dovevo metterli”. Ciò che le ha fatto tanto male è stata anche un’altra cosa: la totale indifferenza intorno a lei. La giornalista ha inoltre raccontato che al termine della diretta televisiva un altro uomo le sarebbe andato vicino cercando di toccarle le parti intime, prima che il cameraman intervenisse mandandolo via.

"Non posso andare a lavorare tranquillamente solo perché sono una giovane donna. Sono sconvolta e impaurita. Qualcuno mi consiglia di non sporgere denuncia ma sono cose gravissime che mi hanno segnata profondamente" - ha dichiarato Greta Beccaglia.

La risposta del conduttore Micheletti

La vicenda ha suscitato clamore sia per l'accaduto che per il commento di Giorgio Micheletti, conduttore della trasmissione televisiva, che in diretta aveva invitato la giornalista a "non prendersela" e poi come non fosse stato abbastanza aveva proseguito affermando che si cresce anche attraverso questa esperienza.

Il conduttore poi nella serata di ieri si è sentito di voler chiedere scusa per le parole infelici usate nel momento concitato della diretta di sabato. "In quel momento il mio unico interesse era di essere di aiuto a Greta", ha scritto spiegando di aver voluto provare ad alleggerire la situazione per non far accadere qualcosa di peggio. Per tutta risposta la cronista ha chiesto di non crocifiggere il collega che, anche se ha sbagliato, per lei è "come un Babbo". L’accaduto è stato oggetto di commenti anche da parte di alcuni politici. Il presidente dell’Ordine dei giornalisti della Toscana, Giampaolo Marchini, ha criticato la reazione del conduttore per non aver mosso da subito parole di solidarietà nei confronti di Greta Beccaglia.

Identificato l'uomo che ha molestato Greta Beccaglia

L'uomo che ha molestato la giornalista è stato identificato dal commissariato di Empoli e dalla questura di Firenze. Si tratta di un tifoso della Fiorentina che era appena uscito dal settore ospiti dello stadio Castellani. L'identificazione è stata fatta grazie all'analisi delle immagini di sorveglianza dell'impianto, riscontrate con quelle trasmesse nel programma. Il reato ipotizzato è quello di molestie.