Tanti passi in avanti nel corso di questi anni sono stati fatti per la dignità della donne, ma a quanto pare, stando ai dati Istat diffusi in queste ore, oltre il 60% degli italiani ritiene che il nostro Paese non è ancora “un Paese per donne”.

A sostenere questa tesi sono soprattutto loro, le dirette interessate: per oltre il 70% delle intervistate nascere uomini nel nostro Paese è una vera e propria fortuna, visto che le donne vivono ancora in condizioni “di inferiorità” sia dal punto di vista sociale che lavorativo.

Festa della donna 2014: l’Italia emargina le donne?

Un tema quello della disparità sociale per le donne nel nostro Paese che è stato affrontato questa mattina anche dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha ribadito che al giorno d’oggi in Italia il tema delle pari opportunità non è ancora superato.

In particolare Napolitano ha puntato il dito contro il sessimo che nell’ultimo periodo ha interessato anche la politica: per il Presidente della Repubblica questo è uno dei virus più difficili da estirpare, ma che, tuttavia, deve essere combattuto.

Anche la Boldrini ha ribadito che all’interno della nostra società deve essere data maggiore importanza alle donne anche dal punto di vista politico: in particolare il Presidente della Camera ha dichiarato di sperare che la nuova legge elettorale possa portare le donne a fare dei passi in avanti.

La questione delle donne, invece, ha sottolineato il Ministro dell’Istruzione Giannini, va affrontata e dibattuta anche all’interno delle scuole. Nonostante siano stati fatti dei passi in avanti contro la violenza sulle donne, il ministro ha sottolineato che molto ancora deve essere fatto nel corso dei prossimi mesi.

I migliori video del giorno

Secondo voi l’Italia è un “paese per donne” oppure no? Diteci le vostre opinioni nei commenti!