Era il 26 aprile 1986 quando il reattore n.4 della centrale nucleare di Chernobyl saltò in aria dopo un test di raffreddamento. Il fuoco divampò per 10 giorni. Le radiazioni furono 400 volte più forti della bomba sganciata su Hiroshima. Oggi suolo, acqua e aria di Cernobyl sono tra i più contaminati sulla Terra. Il reattore è al centro di 1.000 miglia quadrate di una zona detta "di esclusione". Una terra di nessuno, controllata da guardie di frontiera. Solo una telecamera montata su un drone rileva la desolazione inquietante. La vicende umane di Chernobyl spesso si perdono col passare degli anni.

Questa è la storia di una comunità di circa 130 persone, che vivono all'interno della zona di esclusione. Quasi tutte donne. Circa 116.000 persone sono state evacuate al momento dell'incidente. Circa 1.200 si sono rifiutate di lasciare le loro terre. Queste donne sono gli ultimi superstiti di coloro che illegalmente rimasero nelle loro case dopo l'incidente.

Il film che segue il gruppo di ribelli che ancora vivono a Chernobyl

Un nuovo film di Holly Morris e Anne Bogart, segue il gruppo di ribelli che continuano a vivere in un ambiente tossico e solitario.

Il film racconta di villaggi fantasma sparsi nella zona. Molti villaggi hanno otto o 12 babushkas o babà, le "nonne". Una di queste donne, Hanna Zavorotnya, ha spiegato come si sia nascosta durante l'estate del 1986. Aveva chiesto ai soldati di ucciderla e di seppellirla nella sua terra, mentre cercavano di evacuare la sua famiglia. Perché Hanna ha scelto di vivere in questa terra? Conosce i rischi o è solo pazza?

Le radiazioni non la spaventano. La fame la spaventa. Hanna e le altre donne hanno vissuto l'Holodomor (il genocidio ucraino) di Stalin e poi il nazismo nel 1940.

La lezione inaspettata di una tragedia mondiale

I tumori della tiroide sono alle stelle, ma gli sfollati di Chernobyl hanno subito anche il trauma della perdita della loro identità. Ansia e depressione. La contaminazione radioattiva dopo l'incidente è stata mortale, ma il trauma della delocalizzazione è un'altra grave conseguenza di Chernobyl. Così le babushkas dicono che chi parte muore.

Ormai queste donne sono alla fine della loro vita. Ma il loro esempio è un vero omaggio alla vita. Sono le lezioni inaspettate di una tragedia mondiale.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto