Ci sono voluti quattro anni e una genesi travagliata da un tradimento, che aveva portato alla cacciata dai progetti per il sequel di Kristen Stewart e del produttore Sanders, prima che arrivasse nelle sale il prequel-sequel sul Cacciatore Eric, interpretato da Chris Hemsworth, che si guadagna un ruolo di protagonista e di cui viene raccontata per intero la travagliata storia d’amore con la moglie Sara. Ma il film diventa anche occasione per approfondire il passato della perfida Regina Ravennah e introdurre nuovi personaggi.

La trama in breve

Avevamo lasciato Biancaneve e il Cacciatore vittoriosi contro la Regina Ravennah ma non è da questo punto che il film prende avvio. È dal momento in cui Freya, sorella di Ravennah, risveglia in modo tragico i suoi poteri – in reazione alla morte della figlia per mano del suo amante – che la storia prende le sue mosse. Partita alla conquista delle terre del Nord, la regina di ghiaccio rapisce bambini per farne un esercito di fidati Cacciatori e fra essi, inevitabilmente, finiscono per spiccare Eric e Sara.

Ma il loro amore non è tollerato dalla Regina, che fa uccidere Sara davanti agli occhi di Eric e poi lo fa tramortire e gettare in un fiume, convinta di averlo ucciso. A questo punto termina la fase prequel del film e in un salto di sette anni vediamo Re William chiedere aiuto a Eric per ritrovare lo specchio di Ravennah, che continua a perseguitare Biancaneve anche dopo la sconfitta della Regina Cattiva.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cinema

Insieme ai due nani Nion e Gryff il Cacciatore si metterà così sulle tracce della scorta scomparsa insieme al magico manufatto ma anche la regina Freya è in cerca dell’ultimo oggetto che la lega all’amata sorella maggiore.

In una corsa contro il tempo, Eric dovrà sottrarre lo specchio a chi lo ha rubato, e riceverà l’aiuto dal più inaspettato degli alleati, che rivelerà le trame segrete della regina di ghiaccio e costringerà il Cacciatore a combattere contro il suo stesso passato e due sorelle dai poteri magici apparentemente invincibili.

Un cast eccellente per una storia semplice ma godibile

Il cacciatore e la regina di ghiaccio è un buon action fantastico senza pretese che pesca suggestioni dal mondo delle fiabe nordiche e non solo, dal fantasy di derivazione tolkeniano e in generale da un filone molto sfruttato ultimamente dal mondo Disney, ma riesce comunque a confezionare un buon film che sa intrattenere per le due ore della sua durata e lo fa anche con una certa cura.

Gli effetti visivi sono buoni ma soprattutto buono è il cast e la mancanza di Kristen Stewart e della sua recitazione non brillante fa guadagnare al sequel due attrici del calibro di Emily Blunt e Jessica Chastain, a loro agio nelle parti della regina dal cuore spezzato e della fiera amazzone guerriera.

Anche la trama, cucita in maniera tale da circondare e superare il buco lasciato dalla sparizione improvvisa del personaggio di Biancaneve – qui mostrata solo di spalle nella sua ossessione nei confronti dello specchio di Ravennah – non solo non risente di particolari contraddizioni ma riesce anche a fornire giustificazioni più ragionevoli del solito a sparizioni e colpi di scena ormai tipici dei blockbuster hollywoodiani.

Se così la storia convince – e accontenterà i fan o semplici curiosi che vogliono conoscere il resto della storia del Cacciatore – un irresistibilmente goffo e impulsivo Chris Hemsworth e una rapace e orgogliosa Charlize Theron conferiscono a un buon svago pomeridiano un valore aggiunto.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto