Stando a quanto riportano alcune fonti d'informazione giornalistica cinematografica, il grande Benicio Del Toro sarebbe in avanzate trattative per diventare il protagonista del reboot di Predator. La pellicola sarà diretta dal talentuoso Shane Black, e la sceneggiatura è stata affidata a Fred Dekker. Il film è ancora in fase embrionale e con tutta probabilità le riprese non inizieranno prima del prossimo anno.

Stavolta sembra davvero tutto pronto per un'inedita e moderna versione del mostro creato - nella pellicola originale - dal regista John McTiernan. Protagonista di quell'indimenticabile film, come molti sanno, era Arnold Schwarzenegger, che potrebbe tornare in versione cameo nel reboot.

Il film seguiva le vicende di un gruppo di forze armate che, in mezzo alla giungla, venivano pian piano letteralmente divorate da una creatura aliena corazzata e ai loro occhi invisibili. Solo il più forte e furbo fra di loro riusciva a sopravvivere, sconfiggendo il mostro in un finale esplosivo, dopo una dura caccia senza tregua condita di spettacolari colpi di scena, tra effetti speciali all'avanguardia e di ottima fattura che, uniti al ritmo dinamitardo della storia, alla tensione e all'interpretazione coriacea del protagonista, decretarono l'enorme successo del film.

Il successo è stato tale da generare due sequel: Predator 2 del 1990 con Danny Glover e il recente Predators del 2010 con Adrien Brody, oltre ad una numerosa serie di epigoni e sottogeneri simili.

I nuovi film di Benicio

Si prospetta un altro impegno importante per Benicio Del Toro che, in questo periodo, sta passando da un set all'altro con invidiabile nonchalance e versatilità.

I migliori video del giorno

Presto vedremo il premio Oscar e la star di film memorabili come Traffic, Sicario e Che, in Escobar, in Star Wars episodio 8, nel nuovo film attesissimo di Terrence Malick, Weightless, assieme agli altrettanto noti Christian Bale, Michael Fassbender, Rooney Mara e Natalie Portman, e nel seguito proprio di Sicario, Soldado, che sarà diretto dal nostro Stefano Sollima.