Paolo Sorrentino, secondo la prestigiosa testata Variety, starebbe scrivendo il suo nuovo film, che sarebbe incentrato sulla figura di Silvio Berlusconi, personaggio che ha indelebilmente caratterizzato le vicende italiane degli ultimi 30 anni. 

Il regista, Premio Oscar per la La Grande Bellezza, è reduce dal successo ottenuto al Festival di Venezia, dopo la proiezione dei primi due episodi di "The Young Pope", interpretato da Jude Law (molto applaudito dai critici) che racconta la storia di un Papa giovane e ambizioso. 

Giochi di parole

Il presunto titolo del film su Berlusconi si basa su un gioco di parole, tema caro al regista partenopeo, visto che "loro" potrebbe anche essere considerato come "l'oro", segno della sottile ironia sul potere ed le ricchezza accumulate nel corso degli anni dall'imprenditore, politico ed ex Presidente del Milan. 

Il fascino della politica

Non sarebbe la prima volta che Sorrentino tratta temi politici.

Qualche anno fa fece scalpore "Il Divo", dedicato all'enigmatica figura di Giulio Andreotti, interpretato da un clamoroso Toni Servillo, che ottenne grande successo sia in Italia che all'estero, ma non mancò di suscitare feroci polemiche. 

Resta da chiarire il nodo legato alla produzione del film: tutti i film recenti di sorrentino infatti, sono stati coprodotti da Indigo Films assieme a Medusa, casa di produzione notoriamente controllata proprio dalla famiglia Berlusconi, che potrebbe non gradire i temi e il tono del film. 

Non sarebbe comunque la prima volta che Silvio Berlusconi viene raccontato, al Cinema. Qualche anno fa Il Caimano di Nanni Moretti, che nel 2006 partecipò fuori concorso al Festival di Cannes, prese pesantemente ispirazione dalle vicende umane, personali e politiche dell'ex Premier. 

L'ultimo film di Paolo Sorrentino, Youth - Giovinezza, è uscito nelle sale lo scorso anno.

I migliori video del giorno

Il regista, nel corso della sua carriera, ha vinto, oltre al Premio Oscar, un Golden Globe, quattro European Film Awards e un BAFTA, il premio della critica inglese, oltre a cinque David di Donatello e sei Nastri d'argento.