Marina Abramović apre la prima parte della stagione 2016/2017 del ciclo 'La Grande Arte al Cinema' promosso dalla società di distribuzione Nexo Digital. Il 3, 4 e 5 ottobre, infatti, sarà in sala 'The Space In Between', documentario e road movie spirituale diretto da Marco Del Fiol, che mostra l'artista contemporanea nella sua più totale intimità.

Famosa per le sue performanes emotivamente forti e stravaganti, la ricordiamo soprattutto per il suo primato artistico risalente al 2010, quando passò 700 ore seduta su una sedia al MoMa di New York fissando migliaia di sconosciuti negli occhi.

Stavolta, invece, Abramović tiene gli occhi chiusi, non fissa nessun altro se non se stessa, si cerca, si esplora, cerca di ''entrare in una quarta dimensione'' per ''purificare il proprio karma''.

'The Space in Between'

Viaggiando attraverso il Brasile, la donna affronta incuriosita ed impassibile la cultura che le si pone di fronte osservando riti religiosi che paragona a vere e proprie performances, concedendosi trip psichedelici, conoscendo persone dai caratteri diversi accomunate da un'assoluta fede in Dio.

Dopo una grande delusione d'amore, Marina Abramović non vuole morire dal dolore come la sua eroina Maria Callas e decide dunque di partire alla scoperta di nuove esperienze, per riportarle a noi. Il ruolo di questa originale artista, secondo una medium incontrata durante il percorso, sarebbe quello di trascendere il dolore. E Marina ci riesce. Impara ad oltrepassare il dolore fisico ed emotivo, attinge esperienze dalla natura e le trasmette nella città, durante le sue esibizioni.

I migliori video del giorno

Si instaura, durante il documentario, un legame universale che lega la gente. Perchè d'altronde l'arte fa questo: lega le persone, mette in comunicazione il mondo fisico e il mondo spirituale, accomuna gli esseri umani. Marina Abramović ci invita ad effettuare il nostro personale viaggio interiore, ricordandoci che noi siamo la sua opera. Noi siamo l'arte.

 'La Grande Arte Al Cinema' proseguirà il 7, 8 e 9 novembre con 'Botticelli, Inferno'.