Che michael stipe fosse un personaggio molto coerente con la propria filosofia di vita è ormai noto a tutti. Basta pensare ai suoi trascorsi da studente ribelle e ambientalista convinto e alle sue lotte continue in difesa dell'ambiente anche da cantante per capire di che pasta è fatto. Non sorprendono quindi le sue recenti dichiarazioni, in una intervista, dove ha dichiarato di voler continuare a fare musica senza però riunirsi con i R.E.M. Il motivo? Stipe è da sempre contrario a prendere scelte in nome del mero aspetto economico senza che vi sia convinzione da tutte le parti in causa nel ritrovarsi a suonare insieme.

Dopo 31 anni la storia è finita

Sono passati oltre 30 anni da quando Michael Stipe, Peter Buck, Mike Mills e Bill Berry fondarono i R.E.M. dopo essersi conosciuti all'università di Athens in Georgia ma la strada per loro sarà ricca di soddisfazioni.

Il nome della band è lo stesso di una fase del sonno caratterizzata da un rapido movimento degli occhi e fu scelto perché stava davvero bene come nome della band. Il primo disco veramente apprezzato dalla critica di Stipe & C. sarà Murmur, disco molto particolare che all'inizio non ottenne il successo sperato. Ma il punto più alto in termini di vendite venne ottenuto dal celebre Out of Time, album simbolo dei R.E.M. e pietra miliare del rock anni '90. Dopo molte altre canzoni e album di successo, nel 2011 la band si scioglierà e ad oggi non si è più riunita e, a sentire Michael Stipe, mai lo farà.

Il tributo a Bowie e il ritorno alla musica

L'ex cantante della band georgiana, qualche mese fa, ha preso parte ad un concerto in onore di David Bowie interpretando la classica "Ashes to Ashes" brano molto profondo e intenso.

I migliori video del giorno

Sarà proprio pochi mesi fa che Stipe dichiarò di voler continuare a lavorare in campo musicale, interrompendo quindi la pausa che dura da diverso tempo ormai, senza però voler essere al pari di una popstar viste anche le 56 primavere dell'artista. Insomma un personaggio come lui manca alla musica e un suo ritorno sulle scene era inevitabile prima o poi.

Ci sono persone che amano ricordare il passato e vi sono molte legate ma non tutte lo vogliono rivivere. Michael Stipe è una di queste persone, lui è legatissimo a tutti gli ex membri dei R.E.M. che sono stati una parte importante della sua vita ma caratterialmente non è un nostalgico pronto a sfruttare ogni occasione per una reunion spesso utile solo al conto in banca. In pratica Stipe è coerente con al figura che si è creato e non tornerà a suonare con i R.E.M. perché in questo momento non vuole farlo. Certo i fan della band saranno rattristati da questa dichiarazione ma capiranno anche che fare qualcosa, magari non bene, solo per dargli il contentino non sarebbe stato giusto e corretto verso chi i R.E.M. li ha sempre sostenuti. Intanto ricordiamoli in eterno con le loro canzoni come questa e chissà che un giorno Stipe non ci ripensi.