Nel cuore della città di Viareggio la GAMC Lorenzo Viani è situata al primo piano dello storico Palazzo delle Muse. In uno spazio espositivo, suddiviso in quindici sale, è presente una selezione di oltre 300 opere appartenenti alle collezioni comunali. Il nucleo più significativo è costituito dalla collezione Varraud-Santini e dalle donazioni Lucarelli e Pieraccini. Ẻ possibile ammirare dipinti, grafiche e sculture di autori italiani e stranieri, dalla fine dell’Ottocento fino ai giorni nostri tra i quali Pissarro, Boldini, Signorini, Ensor, Soffici, Severini, Chagall, Leger Guttuso, De Chirico, Casorati, De Pisis, Rosai, Archipenko, Arp, Corpora, Capogrossi, Vedova, Scanavino.

Insieme a questi grandi nomi, sono presenti gli artisti versiliesi più importanti; tra tutti Lorenzo Viani, indiscusso protagonista dell’Espressionismo europeo. Dal martedì alla domenica dalle 15,30 alle 19,30. Biglietto otto euro, ridotto 4 euro .

Segno gesto materia

La mostra si apre con la collezione Segno, gesto, materia, un percorso all’interno del panorama artistico europeo tra sesto e ottavo decennio del XX secolo.

Si comincia con l’Arte gestuale e segnica dove sono presenti differenti e personali formulazioni il cui comune denominatore è l’espressività fondata su un’esecuzione immediata di grafismi asemantici e non concettuali. Si prosegue con la selezione Informale europeo, espressione artistica e astratta contraddistinta da una triplice anima: prorompenza gestuale, innesto su espressività segnica, messaggio mediato dalla sostanza materica.

Segue poi lo Spazialismo nel cui Manifesto Blanco (1946) pubblicato da Lucio Fontana, si palesa l’urgenza, prima intellettuale, poi artistica, di fondare un nuovo rapporto uomo e spazio fenomenico, quindi fra artista e luogo della rappresentazione, libero da formulazione naturalistica o prospettica, bidimensionale o tridimensionale, affinché fuoriesca dalla superficie visuale e si faccia concetto per mezzo dell’intervento gestuale, mediatico o materico.

Proseguendo nella mostra giungiamo alla sezione Arte materica, ovvero quando la materia trascende la propria natura tecnica, transitoria e strumentale e da medium espressivo va ad identificarsi nella sostanza semantica e nell’essenza stessa poetica dell’opera. Di solito corre trasversalmente alle nuove tendenze orientandone gli indirizzi. Infine troviamo Il nuovo fronte dell’astratto (quinto decennio del XX secolo) che si oppone al figurativo e la sezione Neofigurazione in cui sopravvive l’istanza figurativa, mutando i propri codici.

Artisti vesiliesi

La collezione Pieraccini è una selezione di opere che testimoniano come il territorio continua ad essere un laboratorio di idee dagli esiti molteplici e diversificati.

Lo sguardo e la parola

La mostra si conclude con La versiliana, una collezione di opere con cui si sono premiati gli scrittori partecipanti al Premio Viareggio.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto