Il film natalizio dei tre famosi comici ha ricevuto qualche critica ma rimane un buon film, oltre ad essere una bella occasione per ricordare tante loro simpatiche gag.

Trama e interpreti

Aldo Giovanni e Giacomo ne firmano la regia, assieme al loro collaboratore storico Morgan Bertacca, su sceneggiatura scritta dai quattro assieme a Valerio Bariletti. Nel cast ovviamente i tre comici, ma anche Salvatore Ficarra e Valentino Picone, Carlotta Natoli, Silvana Fallisi. Il film è prodotto da Paolo Guerra, per Medusa Film e Agidi Due ed è distribuito da Medusa. Come abbiamo detto non si deve dimenticare che lo stile è quello di un revival celebrativo, e qua e là, spesso all'improvviso, compaiono personaggi storici interpretati dal Trio o gag ben conosciute.

Per chi è appassionato di Aldo Giovanni e Giacomo, sia sul piano cinematografico, che televisivo nonché teatrale, potrà davvero ripercorrere insieme a loro tanti anni di successi.

Del resto in numerose interviste i tre hanno precisato sistematicamente questa voglia di inserire gag ormai divenute storiche in questa specie di cinepanettone. Il film è ambientato nel futuro, a circa 30 anni dal momento attuale. Aldo si trova in Sicilia, e i figli (Ficarra e Picone, nel film Salvatore e Valentino) se ne vogliono ad un certo punto sbarazzare facendolo rinchiudere in un ospizio di Milano. A dire il vero è un luogo strano, un incrocio tra un lager, gestito dalla terribile infermiera Ludmilla (Silvana Fallisi), che con fare a dir poco autoritario comanda tutto e tutti, e un luogo demenziale.

I migliori video del giorno

Peraltro l'ospizio è stato costruito nell'ambito di un vecchio Luna park ormai in disuso da tempo, e ospita soggetti alquanto strani. Tra questi Aldo trova Giacomo, in carrozzina e ben poco socievole, che ha però una forte passione per gli esplosivi, e Giovanni, appassionato di piccioni finti, a cui si dedica con cura. Il clima diviene ben presto insopportabile per i tre che, approfittando dei festeggiamenti natalizi, a suon di petardi fuggono dal ricovero. Una volta tornati 'liberi', con la barca di Giovanni partono dai Navigli di Milano diretti a Rio de Janeiro...