Il film è uscito al Cinema da pochi giorni e presenta una commedia originale quanto piacevole, con molti spunti anche di attualità sul dialogo tra culture e religioni.

Cast e trama

Non c'è più religione era atteso da tempo nelle sale cinematografiche e in una decina di giorni dalla sua uscita ha già avuto un successo niente male. Diretto da Luca Miniero, che ne è anche lo sceneggiatore assieme a Sandro Petraglia, è ambientato in una piccola isola del Mediterraneo, in pieno contesto natalizio.

Nel cast Claudio Bisio, Alessandro Gassman, Angela Finocchiaro, Nabiha Akkari, Giovanni Esposito, Roberto Herlitzka, Giovanni Cacioppo. Prodotto da CATTLEYA con RAI Cinema è distribuito da 01 Distribution.

In questo luogo piccolo quanto sperduto, è tradizione realizzare ogni anno un presepe vivente. Ma il ragazzetto che da tempo è il Gesù bambino ufficiale è cresciuto un po' troppo e ormai gli cresce la barba e la culla è troppo piccola per lui...Allora, che fare? Trovarne un altro è quasi impossibile a causa della denatalità e di bambini ne nascono quasi solo nella comunità islamica.

Ma la tradizione va tutelata, e Cecco (Claudio Bisio), Sindaco di questo luogo, vorrebbe chiedere ai tunisini che vivono in paese di poter far partecipare un loro bambiino.

In realtà i rapporti tra italiani e immigrati non sono dei migliori e così Cecco ricorre a una persona che conosce molto bene, Bilal, che si chiamava un tempo Marietto (Alessandro Gassman) prima di convertirsi all'Islam e di divenire la guida spirituale dei musulmani.

I migliori video del giorno

Ma Suor Marta (Angela Finocchiaro), ben più integralista del sindaco non ne vuole sapere di quella che considera una profanazione.

In realtà tra i tre non c'è un gran feeling, pur conoscendosi da tempo, ma pian piano riusciranno a andare oltre vecchie ruggini e a realizzare il presepe vivente, anche se con non poche e originali modifiche, come ad esempio un lama che rimpiazza il bue, un Gesù bambino musulmano, ecc., insomma un presepe realizzato alla fine in santa amicizia, superando rancori e divisioni.