A Roma in queste settimana è possibile visitare la mostra d'Arte 'Picasso. Tra Cubismo e Classicismo 1915-1925'.

La mostra, alle Scuderie del Quirinale, in via XXIV Maggio 16, celebra il centenario del viaggio che Picasso fece a Roma nel 1917. Fu un'esperienza indimenticabile per l'artista spagnolo, nonostante il momento storico e personale difficile: durante la guerra Picasso aveva 36 anni, era già conosciuto come maestro dell'espressione artistica del cubismo, ma iniziava a percepire la crisi del movimento e aveva poco lavoro.

Pubblicità
Pubblicità

Decise così di accompagnare in Italia il suo amico Jean Cocteau, per realizzare la scenografia e i costumi del balletto Parade, per Sergej Djagilev, fondatore della compagnia dei Ballets Russes. Una delle ballerine russe che lavoravano per quest'impresario si chiamava Olga Khochlova e Picasso se ne innamorò, sposandola l'anno successivo. L'esperienza in Italia fu quindi positiva per Picasso, che viaggiando anche verso Milano, Napoli, Firenze e Pompei, lo riempì di stimoli, portandolo alla conoscenza dei Futuristi, dei Pittori della Secessione e alla scoperta dell'arte classica e delle iconografie italiane.

Picasso. Tra Cubismo e Classicismo: 1915-1925” al Quirinale. Roma ... - huffingtonpost.it
Picasso. Tra Cubismo e Classicismo: 1915-1925” al Quirinale. Roma ... - huffingtonpost.it

Le opere presenti provengono dall'Europa, Giappone e Stati Uniti, infatti dietro questa esposizione si nasconde un gran lavoro, iniziato nel 2015 e che ha portato alla realizzazione in Italia di una delle più importanti mostre di Picasso.

I dettagli della mostra

La mostra raccoglie i cambiamenti e gli esperimenti stilistici dell'artista, ovvero i collage, le opere di realismo stilizzato, le rappresentazioni di natura morta e i ritratti. I capolavori presenti sono oltre cento, tra cui Arlecchino (Léonide Massine) (1917), il Ritratto di Olga in poltrona (1918), Natura morta con chitarra, bottiglia, frutta, piatto e bicchiere su tavolo (1919), Il flauto di Pan (1923), Arlecchino con Specchio (1923), Saltimbanco seduto con braccia conserte (1923), Paulo come Arlecchino (1924), Paulo come Pierrot (1925).

Pubblicità

L'immagine accostata all'articolo è l'opera Due donne che corrono sulla spiaggia, il cui titolo è celebre anche come La corsa, del 1922: si nota un prepotente e libero istinto vitale, rappresentato da due grandi donne che corrono spensierate, prendendo possesso dell'ambiente e della tela, di piccole dimensioni rispetto a quanto si potrebbe pensare guardando le due donne; si nota l'impronta italiana della monumentalità e della tradizione figurativa, anche se il movimento delle protagoniste trasmette leggerezza e ingenuità, vista come un invito a respirare la vita a pieni polmoni.

La mostra, inaugurata da Sergio Mattarella il 21 settembre, è prodotta da Ales spa e da MondoMostre Skira, con la partecipazione delle Gallerie Nazionali di Arte Antica. A Palazzo Barberini inoltre sarà possibile, per la prima volta, ammirare il sipario realizzato per Parade, della lunghezza di 17 metri.

Orari e costi della mostra

Lunedì, martedì, mercoledì, giovedì e domenica la mostra è aperta al pubblico alle 10,00 alle 20,00, venerdì e sabato dalle 10,00 alle 22,30.

Pubblicità

Il biglietto intero costa 15 euro, mentre il ridotto costa 13 euro.

Per essere sempre aggiornato sulle mostre di arte e sulle tematiche culturali clicca il tasto Segui in alto a fianco del nome dell'autore della news.

Leggi tutto e guarda il video