Alla 57° edizione della Biennale Internazionale d'Arte di Venezia, il Padiglione della Mongolia propone una scelta decisamente diversa e più ardua di quella degli altri stati: non si affida ad un solo artista, ma a cinque grandi esponenti dell'Arte Contemporanea: Chimeddorj Shagdarjav, Enkhtaivan Ochirbat, Munkkh-Munkhbolor Ganbold, Botu-Bolortuvshin Jargalsaikhan e Davaajargal Tsaschikher, che cooperano per dare una visione unitaria e completa del proprio stato nelle due sfaccettature in cui esso si mostra: realtà culturale e spirituale e aspetto globalizzato.

La Mongolia, infatti, più di molti altri stati colpiti dal fenomeno della svolta economica avvenuta negli anni '90 dopo il crollo del Sistema Socialista, si è trovata a far convivere la sua più tradizionale e tipica tradizione bucolica e spirituale (è, infatti, un paese che ha vissuto per secoli con secolari tradizioni legate al mondo dello sciamanesimo e del Buddismo) ed una nuova realtà industriale votata alla ricerca mineraria, alla produzione di cashmere e molte altre attività commerciali. La domanda che oggi ci si pone sul futuro dello stato mongolo è inevitabile.

Chimeddorj e le gru di bronzo

L'opera che sicuramente colpisce maggiormente è I'm a Bird di Chimeddorj Shagdarjav. Un complesso di sessanta gru, simbolo asiatico di felicità e giovinezza, bronzee il cui aspetto è ricollegato e somigliante a quello di un fucile. Quest'opera spicca maggiormente per il numero di esemplari realizzati e perché accompagna lo spettatore all'interno del padiglione, introducendo i temi dell'esposizione già dalla parte esterna della struttura.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Ambiente

L'artista ha applicato un sottofondo musicale all'opera in cui si sentono suoni di uccelli e rettili chiaramente. Il senso di tutto questo è mettere in risalto i nuovi obbiettivi della società moderna e quanto essa sia disposta a fare pur di raggiungerli, utilizzando questo stormo di gru-pistole che sconfigge i dinosauri del passato.

L'inedita istallazione di Enkhtaivan

Un'intera stanza ospita l'opera innovativa di Enkhtaivan Ochiribat intitolata Karma.

Un'istallazione tecnologica composta dal video del deserto, mostrato in tutta la sua desolazione e nella sua siccità, proiettato sul pavimento e sul sedile di una sedia con lo schienale schiacciato posizionata al centro della stanza, il sedile proietta un effetto acquario con pesce nella piccola parte del pavimento coinvolta. L'opera simboleggia i poteri da combattere, grandi ed inesorabili come il deserto, e noi, pubblico coinvolto dall'ombra della sedia, dobbiamo ricordarci che il potere non regge nessuno troppo a lungo, proprio come una sedia senza schienale, e dalla piccola oasi tra la siccità assoluta, ci dobbiamo muovere per cambiare le cose, ricordando che le nostre azioni si ripercuotono sulla terra che calpestiamo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto