L'azienda parigina Indie Sales, che gestisce i diritti internazionali del documentario animato Zero Impunity, ha annunciato una nuova collaborazione con la Mukwege Foundation. Il film [VIDEO] fa parte di un progetto globale che combina il giornalismo investigativo e un attivismo incentrato sulla fine dell'impunità totale sulle donne violentate [VIDEO] negli attuali conflitti armati.

Pubblicità
Pubblicità

"Per far sì che una voce esista, deve essere ascoltata, è un meccanismo sociale di base, abbiamo voluto mettere in risalto il ruolo che tutti possiamo svolgere, possiamo fornire orecchio ed empatia. Rifiutando di ascoltare, diventiamo complici nell'impunità, d'altro canto, ascoltando attivamente, ognuno di noi può contribuire a diffondere i messaggi di coloro che parlano e fanno risuonare le loro parole, a modo loro ognuno può partecipare ad una crescente pressione per spostare tendenze politiche e sociali" hanno detto, Nicolas Blies e Stéphane Hueber-Blies, co-registi del film.

La locandina del nuovo film Zero Impunity
La locandina del nuovo film Zero Impunity

La fondazione Dr.Denis Mukwege è un'organizzazione internazionale per i diritti umani, dedita alla fine degli abusi fisici come arma di guerra in tutto il mondo. Il vincitore del premio Nobel per la salute, il dottor Denis Mukwege, è noto per le sue azioni in Congo. Come ginecologo, si occupa principalmente di curare le donne che hanno subito violenza estrema. Il film è prodotto da a_Bahn, con sede a Lussemburgo (Arte's Soundhunters, France Television's Generation What).

Pubblicità

Melusine Productions ( The Breadwinner, Ernest & Celestine, The Congress) che sta attualmente lavorando all'animazione. Camera Talk (Soundhunters, Francia Television Nouvelles Ecritures' Defense d'Afficher) e Webspider per la produzione francese. Il progetto è sostenuto da Film Fund Luxembourg e dal CNC francese.

A sostegno di SEMA

La partnership è destinata a sostenere la SEMA (Rete globale di vittime e sopravvissuti per porre fine alla violenza di guerra), che riunisce vittime di violenze durante le guerre da tutto il mondo.

L'obiettivo è connettere tutti i sopravvissuti in un'unica piattaforma. Zero Impunity sta lanciando un importante appello per le donazioni alla sua comunità, che già conta oltre 400.000 persone fino ad oggi. Queste donazioni permetteranno ai membri del gruppo di continuare a formarsi come oratori e per farsi conoscere dagli altri sopravvissuti.

Stand Spreak Rise Up

Un progetto annunciato all'evento Stand Spreak Rise Up, organizzato dalla Granduchessa Maria Teresa del Lussemburgo.

Pubblicità

Il team ha inoltre aggiornato le azioni principali del collettivo Zero Impunity: quella di Fatou Bensouda (Procuratore del Tribunale penale internazionale) il cui obiettivo è quello di garantire che gli Stati Uniti siano un contendente come gli altri, in particolare per gli atti di tortura nelle carceri di Guantanamo e Abu Ghraib e quello di Olexandra Matviichuk (fondatore dell'Ong Center of Civil Liberties), il cui scopo è quello di armonizzare la legge ucraina con gli standard internazionali sui diritti umani.

Pubblicità

Leggi tutto