Angeli e Demoni, questo è il titolo dell'ultimo singolo di Maxi B, Mr Paul feat. Noe che vogliamo presentarvi in questa intervista esclusiva e che vede il ritorno di uno dei rapper storici del panorama italiano. Un artista che, comunque, è sempre rimasto in attività pur dedicandosi anche ad altro. Lo stesso vale per Mr Paul che si occupa ora soprattutto di videomaking, ma che è tornato con lo stesso entusiasmo di quando l'hip hop ed il Rap incrociarono la sua strada.

L'intervista a Maxi B

Come vorresti essere presentato a chi ancora non ti conosce?

"Mi chiamo così perché ho rischiato di morire appena nato. Avevo il cordone ombelicale attorcigliato intorno al collo, stavo per soffocare. Salvato all’ultimo momento, mia mamma che come nomi da darmi era indecisa tra Elvis, John e Jimi (vi lascio indovinare a chi erano ispirati), alla fine scelse Maxi. Quando mio padre le chiese 'perché?' Lei rispose: 'Se ha superato una prova così difficile appena nato mi aspetto cose ancora più grandi da lui quando sarà grande'. Non sono un rapper, sono un uomo.

I testi parlano da soli".

Da cosa è nata questa collaborazione? Come mai proprio in questo momento?

"È nata dall’esigenza di entrambi di trovare nuovi stimoli. Io sono molto impegnato tra radio e tv, lavoro per un'emittente Svizzera molto forte sul territorio, RADIO3i, ma non ho mai abbandonato la via della scrittura e della musica. Anche Mr Paul è impegnatissimo come videomaker, ma la passione ci accomuna.

Siamo amici di vecchia data, prima grazie ai video, ora anche per le produzioni, ci troviamo in sintonia su molte cose soprattutto sul fatto di seguire esclusivamente i nostri gusti e il nostro istinto".

Il vostro singolo, Angeli e Demoni, è fresco, orecchiabile, con tutte le caratteristiche del rap italiano di qualità. Le parole sono facilmente distinguibili, le voci scandite e morbide, le rime non sempre scontate e ovvie: è stato studiato o è nato tutto naturalmente?

"È da sempre il mio modo di scrivere, naturale, prima con il cuore poi con la testa. In queste strofe parlo di un amore viscerale, carnale, dove i sentimenti sono travolti dalla passione. Dove gli angeli sono anche demoni. Un amore che travolge tutto, anche l’anima. Impossibile studiare tutto questo. Mi piace mettere contenuto nelle canzoni anche quando si parla di sessualità e amore".

Quali caratteristiche tue, di Mr Paul e di NOE sono racchiuse in questo singolo?

"Di Paul credo sia la versatilità, sa creare molte sonorità e qui le ha ben racchiuse tutte. Noe ha una voce che ti resta addosso e malgrado il testo non sia suo è riuscita a interpretarlo alla grande dando una grande prova.

Per quanto mi riguarda, ho messo molto di me in questo pezzo quindi credo che ci sia la caratteristica principale: il fuoco che dopo tante canzoni non accenna a diminuire di intensità".

In un periodo in cui il rap tocca tematiche spesso grevi, si concentra spesso su argomenti politici e suona come un dissing verso l’intera società ed i colleghi, come mai investire in un brano di rap sentimentale, qual’è il punto di forza di questa canzone?

"Iil punto di forza è proprio il fatto che parla di una tematica che i rapper, o presunti tali, non trattano più se non in modo misogino o maschilista. Anche le rapper al femminile lo trattano molto all'americana.

Io amo le donne, ne sono attratto, le cerco. Perché dire assurdità quando la verità è un’altra? E poi, lo hai detto tu stessa prima: non è scontato. Direi che non è poco".

Perché un amatore del rap dovrebbe ascoltare e avvicinarsi a questo vostro nuovo progetto? E come mai dovrebbe farlo un ragazzo giovane che magari ancora non conosce bene la cultura hip hop e il vero rap?

"Siamo veri, siamo diversi. Siamo sempre stati qui e nulla ci ha impedito di scrivere le nostre storie. In un panorama vasto come il rap italiano ci siamo anche noi. Potenti sempre".

Come vi sentite di definire la sfera musicale odierna?

Secondo voi cosa manca?

"È un mondo completamente congestionato. Escono milioni di cose, tutte simili tra loro, ma i talenti ci sono e quelli rimarranno, gli altri smetteranno presto. Non manca nulla e manca tutto, come sempre. Il tempo darà la sua sentenza, a noi non resta che ascoltare e vivere".

Negli ascoltatori cosa manca?

"Oggi forse la voglia di andare oltre a quello che propone il mainstream e soprattutto la consapevolezza dei testi, dei contenuti".

Progetti futuri? Potete svelare qualcosa?

"Ci stiamo divertendo a scrivere e produrre, senza pressioni, senza doveri verso nessuno. Meglio di così si muore".

Il talento di Mr Paul

Un trafiletto è d'obbligo dedicarlo anche a Mr Paul e presentarlo. Innanzitutto anche Lui, come Maxi B, è un producer e alcuni suoi pezzi sono passati anche su DJ TV, m2o e ha realizzato singoli che hanno girato nei palinsesti nazionali come "Fermati". Il brano di punta di Mr Paul è invece "Try four Say No" del 2010 che è stato trasmesso nei programmi di music video nazionali più conosciuti. Dopo un'intenso periodo dedicato al videomaking si è voluto riavvicinare alla creazioni di beat e alla musica in generale e con Maxi hanno deciso di lavorare a nuovi singoli e progetti.

Segui la pagina Rap
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!