In perfetto accordo con l’attuale stagione estiva caratterizzata da temperature che resteranno negli annali, per il 17 luglio 2019 si attende il nuovo thriller di Jean-Christophe Rufin. Il titolo è abbastanza singolare e, verrebbe da dire, se non la fa girare, la fa alzare la testa: “L'appeso di Conakry” (E/O pagg. 192); e la fa alzare ovviamente verso il luogo dove l’autore ha deciso di porre il personaggio privo di vita, verso l’albero di una nave.

Jean-Christophe Rufin è uno scrittore dalle diverse possibilità, infatti annovera anche competenze abbastanza lontane da quella di inventore di storie poliziesche come, ad esempio, quella di medico (è fra i promotori di 'Medici senza frontiere'). Da ricordare e associare alla sua persona, anche i titoli di ambasciatore francese in terra senegalese e quello di presidente di 'Action contre la faim'.

La trama del libro

Aurel Timescu è un uomo fortunato. Di professione fa il console di Francia. Un’attività che risponde sicuramente alle sue attese professionali e culturali. Tuttavia, come ogni mente così organizzata conosce, un titolo di pregio non basta a vivere le proprie giornate con piena soddisfazione. Il fatto è che Aurel è sempre indaffarato in compiti – certo, tutti in nome della patria, della Francia che nel 1789 ha scosso la società mondiale – che deve portare a compimento.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Libri

Ma si tratta, per sua sfortuna, di incarichi di secondo ordine. Poi arriva la svolta. Finalmente. Finalmente fino a un certo punto: il Console è spedito dal governo francese in Africa, e – difficile trovare un solo individuo che non lo sappia – in quel continente la parola d’ordine è ‘caldo’. Tanto caldo, e il protagonista caratterizzato da un accento rumeno di immediata individuazione, soffre e odia le temperature torride.

Tuttavia, proprio in terra africana l’apatia che lo insegue si romperà quando un uomo è rintracciato appeso al pennone del suo yacht. È morto. È l’occasione per Aurel Timescu per dare una mano alla polizia del luogo e per mettere in attività l’intelligenza che la natura gli ha fornito.

La cover

Per quanto porti un titolo di indubbia aria funesta, “L'appeso di Conakry” e pertanto – trattandosi di letteratura gialla – di difficile associazione con paesaggi leggiadri e lunari, tuttavia la copertina sorprende per la sua estrema parentela con soggetti frequentati dalla classica iconografia romantica.

Su uno sfondo monocromo color rosa antico e lontano dal primo piano, si svolge una particolare e centrale mise-en-abime capace di interessare lo sguardo del lettore, prima che quest’ultimo si dedichi al flusso delle parole che abitano le 192 pagine del romanzo. Certo lo sfondo è di chiara marca africana, con quelle palme che, come odalische arboree, si specchiano in una superficie acquosa e tropicale.

Comunque – passando all’analisi del primo piano – i componenti più significativi della scena-madre della copertina del libro, sono quattro; a destra e in basso vi è posato un borsone (simbolo della partenza o dell’arrivo); a occupare lo spazio centrale da sinistra a destra fa bella mostra di se un pianoforte a coda (a simboleggiare la grandeur); sullo strumento vi sono posati, un bicchiere a coppa mezzo pieno e, verosimilmente, dello champagne in bottiglia (…di difficile estrazione popolare) e, infine, il personaggio principale che pare impegnato in un concerto per migliaia di ascoltatori: invece è il solo Aurel che, come succede a coloro che non conoscono lo spirito mediocre, riesce a eseguire una luminosa melodia anche senza l’apporto di un pubblico.

Insomma, tutto concorre a essere una sintesi visiva delle capacità intellettive del protagonista.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto