94 anni fa, il 26 luglio del 1928 nasceva a New York Stanley Kubrick. Regista, sceneggiatore e produttore cinematografico, Kubrick è considerato dalla critica mondiale uno dei maggiori cineasti della storia del Cinema. Famoso anche per aver affrontato e diretto diversi generi cinematografici. Tra i film diretti da S.K si contano 13 lungometraggi, mentre 13 sono le volte che è stato candidato al premio Oscar come miglior regista.

Gli esordi

Figlio di un medico statunitense e di una casalinga, entrambi di origini ebraiche, nutre fin dall'infanzia la passione per le fiabe nordiche e l'antica Grecia, gli scacchi, la musica jazz e la fotografia.

Proprio da quest'ultima inizia a disegnare i contorni della sua carriera, grazie ad una macchina fotografica che gli viene regalata all'età di tredici anni. Dopo il diploma, consoliderà la sua carriera, iniziando a lavorare come fotografo per la rivista Look.

Frequenta assiduamente la sala di proiezione del M.O.M.A. di New York guardando vecchi film e dopo aver frequentato l'accademia di arte cinematografica decide di dedicarsi completamente al cinema. Nel 1949 inizia a girare piccoli cortometraggi, che lo indirizzeranno a pieno titolo verso la carriera di regista.

La filmografia dal 1953 al 1999

Il suo primo film del 1953 è Paura e desiderio, mentre i seguenti sono Il bacio dell'assassino, Rapina a mano armata, Orizzonti di gloria, Spartacus, Lolita, Il dottor Stranamore, 2001: Odissea nello spazio, Arancia meccanica, Barry Lindon, Shining, Full Metal Jacket.

Il suo ultimo film come regista è Eyes Wide Shut del 1999.

In quasi tutti i film diretti, S.K. era anche sceneggiatore, montatore, produttore e direttore della fotografia.

La carriera, il carattere estremo e qualche curiosità

Nel 1969 vince il premio Oscar per gli effetti speciali di 2001: Odissea nello spazio. Nel 1997, durante il festival del cinema di Venezia, gli viene assegnato il Leone d'oro alla carriera.

Un carattere schivo e ossessivo, maniacale, portato all'estremo durante tutto l'arco della sua carriera durata cinquant'anni. Considerato dagli attori con cui ha lavorato un vero terrore, Kubrick era ossessionato dal take perfetto e dalla ricerca della perfezione, tanto da portare all'esasperazione ogni scena girata. Per alcune scene infatti che durano pochi minuti, furono necessarie intere settimane.

S.K. era noto anche per dare spazio all'improvvisazione dei suoi attori, cercando di trarre il massimo da essi. Uno fra tutti Jack Nicholson nel celeberrimo Shining. L'attrice Shelley Duvall, che in Shining interpretava la moglie di Jack Nicholson, fu colta da un vero e proprio esaurimento nervoso durante le riprese, tanto da iniziare a perdere i capelli.

La morte

La morte del regista è sopraggiunta per infarto il 7 marzo 1999 all'età di 61 anni a Childwickbury, un maniero situato nella contea di Hertfordshire, in Inghilterra. S.K. è morto mentre stava ultimando le riprese di Eyes Wide Shut. Nello stesso edificio riposano le sue spoglie.