Il telescopio stellare della NASA, che si chiama Hubble, ha fatto questa importantissima e luminosissima scoperta. Si tratta di un enorme corpo celeste soprannominato Icaro che si trova a metà dell'universo. La stella viene ospitata in una galassia a forma di spirale, che si trova veramente molto lontana da noi. In condizioni normali questa splendida stella sarebbe praticamente impossibile da vedere, neppure dai più potenti telescopi presenti sulla terra. Ma gli astronomi ci sono riusciti grazie a un fenomeno detto lente gravitazionale, che ha consentito loro di riuscire a vedere questa lontanissima stella, raggiungendo un nuovo importantissimo record di distanza.

Pubblicità

La stella Icarus

Gli scienziati della Nasa hanno detto che la nuova stella icarus, il cui vero nome scientifico è MACS J1149 + 2233 Lensed Star 1, ha emesso la sua bellissima luce, quando era a più di 9 miliardi di anni luce dalla terra. Ora è molto più lontana ma il suo destino è quello di morire formando un buco nero oppure una stella di neutroni. Le stelle come Icarus sono di norma difficilissime da vedere, a meno che non esplodano in una supernova. Ma un allineamento casuale nel cielo l'ha resa insolitamente visibile.

Il dottor Patrick Kelly dell'università del Minnosota ha affermato che Icarus è 100 volte più lontana della ultima stella così distante mai osservata.

Un team internazionale di ricercatori ha rivelato alla rivista Nature Astronomy che mentre stavano studiando una supernova chiamata SN Refsdal in una galassia a 9 miliardi di anni luce dalla terra, hanno notato una puntina di luce che appariva quattro volte più luminosa delle altre. Quindi mentre questi monitoravano il cluster per SN Refsdal notavano che Icarus si stava risvegliando, ha raccontato la dottoressa Mathilde Jauzac autrice dello studio dell'Università di Durham.

Pubblicità

La sua luce è stata così amplificata dal fenomeno della lente gravitazionale, evento per cui la luce emessa dalla stella viene piegata dall'effetto gravitazionale degli oggetti che le stanno di fronte. In questo caso si trattava del cluster di galassie, che ha formato una lente d'ingrandimento naturale nello spazio. Ma Icarus è apparsa ancora più luminosa perché si trovava in particolari condizioni, cioè all'interno di un ammasso fluttuante, dentro il cluster stesso. E secondo gli studiosi sarebbe anche una stella molto rara, più grande del sole e molto più lucente.