Questa mattina sono iniziati gli esami di maturità per centinaia di migliaia di studenti italiani. Ben 13.161 le commissioni coinvolte, mentre sono 26.188 le classi che verranno esaminate a partire da oggi. Il tasso di ammissione all'esame finale degli iscritti all'ultimo anno è stato invece del 96,3%. Tra i tanti personaggi noti che hanno voluto lanciare un messaggio di augurio ai maturandi c'è anche Tedua.

Pubblicità
Pubblicità

Il rapper cresciuto tra Genova e Milano è ormai uno dei massimi esponenti del rap game italiano di nuova generazione, di conseguenza vanta sicuramente una folta schiera di supporter tra i maturandi di quest'anno.

L'autore di 'Mowgli' ha voluto raccontare la sua esperienza di maturità, ammettendo di non essere stato ammesso agli esami, lasciando trapelare un certo rammarico per questo, ed esortando chi dovrà affrontare le commissioni quest'anno a fare del suo meglio.

Pubblicità

'Non mi ammisero agli esami, l'unica volta in cui ho perso davvero'

Tedua ha rimarcato l'importanza di questo passaggio nella vita delle persone, ponendo l'accento sulla metafora di Scuola come palestra di vita. Queste le parole del rapper genovese: "Non mi ammisero agli esami di maturità, l'unica volta in cui ho perso davvero. Avevo anche studiato bene per l'esame, ma da brava volpe che non arriva all'uva mi accontentai di sapere che avrei potuto fare bene.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola Rap

Maturandi, spaccate tutto domani".

Successivamente il rapper ha voluto aggiungere ulteriori precisazioni: "Per quanto pensi siano non professionali o incompetenti i tuoi professori, piuttosto che ingiusta la tua vita fatta di assenze, problemi a casa e droghe, io non accetto il discorso di chi dice che 'È solo un foglio di carta, la vera vita è fuori'. Si tratta invece di imparare a vivere con i compagni in una sorta di società simulata, di portare a termine gli impegni, superare l'ansia da verifica ed essere puntuali. Si tratta di rispondere al preside facendo valere le proprie ragioni, senza passare dalla parte del torto ecc ecc".

Bartali e il Generale Dalla Chiesa tra i temi della prima prova

Non poi così distante dalle parole di Tedua anche il ministro dell'Istruzione Bussetti, che giorni fa aveva parlato di maturità come "Uno dei primi traguardi importanti della propria vita [..] un'occasione per esprimere se stessi e quanto si è appreso nel corso di studi".

Mentre scriviamo è ancora in corso la prima prova, il tema di italiano, come di consuetudine.

Pubblicità

Tra i compiti a disposizione dei maturandi spiccano sicuramente la riflessione tra sport, storia e società a partire da un articolo su Gino Bartali, ma anche e soprattutto la traccia in cui si chiede di argomentare i valori dell'antimafia, partendo da un testo di commemorazione del Generale Dalla Chiesa.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto