5 strisce di partite senza sconfitte dell'Italia: Mancini raggiunge Lippi, primo Pozzo

Dopo Lituania-Italia, Roberto Mancini eguaglia Marcello Lippi come numero di gare consecutive senza sconfitte.
Dopo Lituania-Italia, Roberto Mancini eguaglia Marcello Lippi come numero di gare consecutive senza sconfitte.

Una selezione delle cinque strisce di partite della nazionale italiana senza sconfitte: fuori dal podio di sono Valcareggi e Vicini

Non perdere le ultime news
Clicca sull’argomento che ti interessa per seguirlo. Ti terremo aggiornato con le news da non perdere.
Clicca e guarda il video
Juventus, voci dalla Spagna: Asensio in caso di addio di Dybala

Dopo la vittoria per 2-0 che l'Italia ha ottenuto nella sera del 31 marzo in Lituania nelle qualificazioni ai Mondiali del 2022, gli azzurri del ct Roberto Mancini hanno ottenuto il 25° risultato utile consecutivo. Un ruolino che permette alla gestione Mancini di eguagliare la seconda serie più lunga senza sconfitte nella storia della Nazionale, registrata con Marcello Lippi tra il 2004 e il 2006.

Approfondiamo di seguito quali sono le cinque strisce più lunghe di partite senza sconfitte ottenute nella storia della Nazionale italiana.

1

Vittorio Pozzo - 30

Il primato spetta alla gestione del ct Vittorio Pozzo, che riuscì a mettere insieme 30 partite consecutive senza mai perdere. Precisamente dal 27 ottobre 1935 (ko 2-1 a Praga contro la Cecoslovacchia) al 12 novembre 1939 (sconfitta 3-1 a Zurigo contro la Svizzera). In mezzo a questa lunga serie di gare utili, per l'Italia arrivò anche la medaglia d'oro alle Olimpiadi di Berlino del 1936 e il successo al mondiale francese del 1938.

2

Marcello Lippi - 25

Il tecnico viareggino riuscì a ottenere 25 risultati utili consecutivi sulla panchina della Nazionale. Sotto la sua prima gestione (2004-2006) gli azzurri persero la loro ultima partita il 9 ottobre 2004 in Slovenia per 1-0, ma poi rimasero sempre imbattuti fino al titolo mondiale di Berlino del 2006. La sconfitta successiva, appunto dopo 25 risultati utili, peraltro non la subì Lippi, ma Roberto Donadoni, che cadde all'esordio in amichevole a Livorno contro la Croazia (0-2 il 18 agosto 2006)