5 disgrazie che hanno segnato la vita di Filippo a Upas: tra queste la morte di Valerio

Un posto al sole, Filippo (Michelangelo Tommaso) e Carmen (Serena Rossi).
Un posto al sole, Filippo (Michelangelo Tommaso) e Carmen (Serena Rossi).

Una lista con 5 eventi infausti che hanno caratterizzato la vita di Sartori, dal sospetto di aver contratto l'Hiv fino al trapianto di un rene

Non perdere le ultime news
Clicca sull’argomento che ti interessa per seguirlo. Ti terremo aggiornato con le news da non perdere.
Clicca e guarda il video
Un Posto al sole, spoiler all'8/10: Saviani apprende la storia di sua moglie e Giancarlo

Il personaggio di Filippo Sartori ha esordito nella soap Un posto al sole nel 2002. Nel corso delle varie stagioni, il giovane ne ha passate davvero di tutti i colori. Negli episodi attualmente in onda, le trame si stanno concentrando sul suo delicato intervento chirurgico, ma questa è solo una delle gravi difficoltà che l'uomo ha dovuto affrontare in questi anni.

In questa lista verranno descritti altri cinque terribili eventi con cui l'uomo ha dovuto fare i conti.

1

La morte di Valerio

Probabilmente l'evento più tragico che abbia mai dovuto affrontare Filippo è stata la morte del piccolo Valerio. Forse non tutti ricorderanno che l'uomo ha perso un figlio, avuto dalla sua prima moglie Carmen. In un momento di distrazione, il bimbo morì annegato tra le onde del mare. La morte né il cadavere sono mai stati mostrati al pubblico, portando molti fan a sperare in un suo ritorno, che però a quanto pare non potrà mai avvenire.

2

Il tentato suicidio

Questo evento risulta strettamente correlato alla morte di Valerio. Filippo, devastato dal dolore e incapace di accettare il lutto, decise di togliersi la vita. In uno degli episodi più intensi mai andati in onda, Sartori diede l'addio al piccolo, in un'esperienza onirica sospesa tra la vita e la morte. L'uomo, in coma in seguito al tentato suicidio, diede l'ultimo saluto al figlio per poi risvegliarsi e lasciare il bambino incamminarsi verso l'aldilà, in un momento altamente catartico.