Nel primo pomeriggio il Consiglio dei Ministri ha approvato l’abolizione del finanziamento pubblico dei partiti. Su Twitter ilpremier Letta ha annunciato: “L'abolizione sarà graduale e spalmata nell'arcodi 3 anni: il finanziamento saràridotto al 60% il primo anno, al 50% il secondo anno, e al 40% al terzo anno,per poi essere abolito del tutto”.

Il Consiglio dei Ministri ha dato il via all’approvazioneanche delle detrazioni solo a chi hauno statuto, anche se per ilpassaggio al nuovo sistema ci sarà un periodo transitorio di tre anni. 

Secondo fonti ministeriali il testo prevede che difatto i partiti si potranno sostenere soltanto con le erogazioni volontarie dei privati, che prevedono detrazioni del 52% per gli importi trai 50 e i 5000 euro e del 26% pertutti gli altri, fino a un massimo di 20 mila euro, e la destinazione volontaria del 2per mille a partire dal 2016 esolo per i partiti dotati di statuto, mentre per gli altri, come il M5S, non sono previsti sgravi fiscali.

Lo Stato conferisce ai partiti una concessionegratuita di sedi immobiliari, spazi tv e bollette telefoniche e servizi decisidall'Agenzia del Demanio.

Il presidente della Commissione Affari Esteri alla Camera, l’onFabrizio Cicchitto, storico e fedeleesponente del Pdl, ha dichiarato preoccupato: "In attesa di conoscere iltesto del Cdm non posso fare a meno di confermare quello che ho già detto, sipassa da un estremo all’altro. Da un eccesso di finanziamento pubblico alla suasostanziale abolizione che a mio avviso avrà solo effetti negativi. Mi auguro anche che il finanziamento dei privatinon dia luogo a nuove iniziativegiudiziarie come è già avvenuto in alcuni casi, Puglia docet".

E dopo la preoccupante dichiarazione rilasciata daltesoriere Pd sulla crisi economica nel partito, anche il Popolo della Libertà di Silvio Berlusconi si trova indifficoltà con il pagamento dei suoi200 dipendenti e degli affitti delle sedi: “Con l’abrogazionedei finanziamenti pubblici ai partiti la situazione è drammatica, si va versoil ricorso alla cassa integrazione”.

Segui la nostra pagina Facebook!