L’aumentodei pedaggi autostradali fissato a partire dai primi di gennaio di quest’anno hasuscitato, come è ovvio, forti critiche per l’aggravio dei costi che essocomporta in particolare a carico dei lavoratori pendolari e degliautotrasportatori.

L’incrementonel prezzo dei pedaggi autostradali applicato di recente è pari al 3,9% ed è l’ennesimodi una lunga serie che ha avuto inizio 6 anni orsono.

Il Ministrodei Trasporti, Maurizio Lupi, sembra aver raccolto i motivi di preoccupazionemanifestatisi in seno all’opinione pubblica ed ha annunciato l’adozione di interventicorrettivi.

Lupi ha parlato della possibilità di applicare sconti sui pedaggi infavore dei pendolari, ripromettendosi di fare in modo che per il futuro glieventuali aumenti siano vincolati all’effettiva esecuzione delle opere dimanutenzione autostradale. Nel dettaglio Lupi ha accennato alla fissazione diuna agevolazione variabile e graduale a seconda del numero di tratte percorse,ognuna per un massimo di 50 chilometri, fino ad una agevolazione massima del20% sul prezzo del pedaggio se il pendolare si sposta tutti i giorni.

Perottenere l’agevolazione sarà necessario provare la necessità degli spostamentie munirsi di un telepass. Il nodo centrale della questione indicato dalMinistro Lupi risiede però nella necessità di rivedere l’intero sistematariffario che si caratterizza per il manifestarsi di continui aumenti, atti acompensare il calo della domanda registrato. Non meno importante è per Lupi l’attenzionamentodelle attività di verifica sull’effettivo compimento delle opere dimanutenzione della rete autostradale.

Il ministroha già incontrato i vertici dell’AISCAT, l’associazione che riunisce le società,gli enti e i consorzi che hanno ottenuto la concessione per la costruzione o l’eserciziodelle autostrade italiane, chiedendo un intervento in tempi rapidi, in manierada far scattare gli sconti sin dai primi di febbraio. AISCAT si è impegnata adare risposta entro i primi giorni della prossima settimana. Per quanto attieneinvece all’aspetto riguardante gli aumenti automatici dovrà invecenecessariamente intervenire la nuova authority di regolazione dei trasportioperativa da un paio di giorni.

Segui la nostra pagina Facebook!