Il professor Mario Monti nella puntata di questo 7 maggio è stato ospite a 'Dimartedì' su La7. L'ex Presidente del Consiglio e attuale senatore a vita, si è espresso in particolare sulle scelte economiche e internazionali dell'Esecutivo Lega-M5S, anche con l'avvicinarsi delle elezioni europee che saranno particolarmente importanti per definire gli scenari futuri dell'Italia e del Vecchio Continente.

Mario Monti: 'Stiamo uscendo da UE ed Euro, all'estero facciamo sorridere, la nostra effettiva sovranità è più bassa'

Mario Monti ha esordito affermando: "Siamo abituati ad avere un ministro dell'Economia come Tria che con pazienza tiene la linea, ma ad avere attorno dichiarazioni bellicose sull'UE e sul vincolo di Bilancio degli altri ministri: essi contribuiscono al peggioramento dell'economia, dei tassi di interesse e dello spread.

Se il debito è alto, c'è meno possibilità di spesa per servizi e investimenti. Questo non è un gioco bilaterale fra Roma e Bruxelles ma che riguarda tutti i mercati mondiali. Oggi abbiamo uno spread di 262 punti, quello della Spagna di 100: questo perché i mercati valutano il "rischio Italia" quasi tre volte superiore a quello spagnolo. Dobbiamo stare attenti alle parole e ai fatti. Si devono riprendere le riforme"

Sul futuro dell'Italia nell'UE, Monti ha spiegato: "I due partiti al Governo più volte hanno fatto dichiarazioni che contraddicono quel che affermavano prima del 4 marzo 2018.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

Dicono di non voler uscire dall'UE pur continuando però a schiaffeggiarla ogni giorno. L'Italia sta uscendo dall'UE e dall'Euro: questo perché dall'Unione Europea siamo usciti sul piano dell'appartenenza, come Politica internazionale e sul posizionamento del Paese; mentre sul piano monetario pur non essendo usciti stiamo facendo qualcosa affinché la nostra presenza nell'Euro (essenziale per evitare altri disastri) sia compatibile con una crescita e con l'occupazione?

No, non lo stiamo facendo".

L'ex Premier ha ricordato: "A fine anni Novanta l'Italia è riuscita a essere fra i paesi fondatori dell'Euro, nel 2011 noi abbiamo evitato di uscire dall'Euro e di farlo affossare. Ma questo rischio c'è. E' importante che l'Italia si guardi dentro: se lo fa vedrà che ci stiamo isolando, stiamo diventando un paese a cui gli altri, in Europa e nel mondo, guardano con un misto fra il sorriso e lo sberleffo, purtroppo.

Ci nutriamo al nostro interno di orgoglio nazionale e di ricerca di sovranità, ma nel frattempo portiamo la nostra effettiva sovranità ai livelli più bassi che io ricordi".

Mario Monti: 'Serve una rivolta di noi cittadini'

In conclusione Mario Monti ha spiegato: "Noi cittadini dobbiamo avere una specie di rivolta e dobbiamo chiedere di essere governati senza che venga coltivato il nostro consenso quotidiano, ma invece l'interesse del Paese, altrimenti non ne usciamo.

Stiamo vedendo dove ci sta portando questo clima: ci porta a essere un Paese che non riesce a risolvere i suoi problemi quotidiani di sopravvivenza, che ha rinunciato ad avere ambizioni di un ruolo in Europa e nel mondo, e soprattutto un paese che sta perdendo i suoi giovani migliori, che vogliono far carriera senza raccomandazioni. Stiamo invece assorbendo, attraverso l'immigrazione, gente necessariamente meno qualificata, che porta problemi transitori per loro stessi e per le popolazioni che li accolgono, ma che vogliono migliorare la propria situazione e avere successo".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto