Sarà un 'portafoglio leggero' quello che guiderà l'addetto agli Affari economici della Commissione Europea. Si tratta del francese Moscovici che è stato annunciato oggi dal presidente Jean-Claude Juncker insieme all'annuncio di tutto l'esecutivo comunitario. Prima di partire con il suo lavoro però, Moscovici dovrà essere sottoposto alla supervisione del commissario uscente Jyrky Hatainen che non uscirà dall'Europa ma diventerà adesso vicepresidente dell'esecutivo con la possibilità di coordinare tutti i portafogli economici europei.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Lega Nord

Inoltre Moscovici dovrà essere visionato anche da Vakdis Dombrovskis che occupa il compito di responsabile dell'euro e del dialogo sociale.

La squadra di Jean-Claude Juncker

Oltre alla carica agli affari economici data a Moscovici, Jean-Claude Juncker ha delineato anche il nome del suo braccio destro ossia Frans Timmermans, olandese ed esponente di un governo molto vicino a quello tedesco.

Una postazione ci sarà anche per il premier britannico che riesce ad ottenere per Jonayhan Hill il portafoglio dei mercati e di tutti i servizi finanziari. Così facendo Jean-Claude Juncker ha senza dubbio voluto inviare un messaggio di apertura nei confronti della Gran Bretagna e un'apertura verso il premier Cameron. Per quanto riguarda la poltrona della Concorrenza, questa verrà occupata da Margrethe Vestager, danese. Per l'Energia è stata delegata Alenka Bratusek, per il commercio estero emerge il nome di Cecilia Malmstrom che negozierà anche gli accordi di libero scambio con gli Stati Uniti. Alle telecomunicazioni siederà il tedesco Oettinger.

Prima di assegnare i nomi ad ogni settore, ci sono state numerose valutazioni e riunioni e tante trattative soprattutto nelle ultime settimane.

I migliori video del giorno

Oggi l'ultima nomina, quella della responsabile alla diplomazia assegnata all'italiana Federica Mogherini. Inoltre Jean-Claude Juncker ha presidiato numerose riunioni con i 27 candidati dagli Stati membri per valutare le idoneità agli incarichi di grande responsabilità. La squadra di Jean-Claude Juncker è dunque composta da nove donne e diciannove uomini.