In Francia in queste ore tiene banco la polemica relativa al nuovo scoop del settimanale Closer, che in pratica ha immortalato nell'ultimo numero del settimanale Florian Philippot, vice presidente del Front National, in compagnia di un altro uomo in atteggiamenti inequivocabili.

La scoperta ha fatto molto scalpore in Francia e anche fuori dai confini transalpini anche per le posizioni dichiaratamente omofobe del partito di Marie Le Pen che ha sollevato in queste ore non poche polemiche e scalpore specialmente all'interno degli ambienti della estrema destra francese in cui la scoperta ha dato origine a un vero e proprio polverone.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Lega Nord

Philippot è considerato il braccio destro di Marie Le Pen oltre ad essere uno dei personaggi più influenti all'interno del partito ultra conservatore francese. Closer è lo stesso settimanale che in passato ha svelato fra gli altri anche il flirt del presidente Francois Hollande con l'attrice Julie Gayet che come sappiamo ha riempito per giorni e giorni i rotocalchi di gossip del paese transalpino e anche di tutto il resto del mondo.

Adesso lo scoop si ripete con il Front National e anche stavolta lo scandalo è veramente esagerato, tanto da registrare la presa di posizione dello stesso partito e in particolare della stessa Marie Le Pen che difende a spada tratta il suo collaboratore affermando di essere molto preoccupata per le pesanti violazioni della privacy prodotte dal settimanale per realizzare i propri servizi.

Philippot è stato fotografato a Vienna in compagnia di un altro uomo, un giornalista televisivo abbastanza celebre in Francia che a quanto pare sarebbe il suo compagno. Da fonti ufficiali all'interno del partito si ritiene che molto probabilmente Phillippot querelerà il giornale per violazione della privacy.

La stessa Marie Le Pen oggi durante un'intervista radiofonica ha affermato che quella subita dal vicepresidente del Front National è una vera e propria violazione delle libertà individuali che in quanto tale va condannata e punita severamente.