I rimborsi elettorali che erano stati eliminati con una legge molto discussa e considerata una finzione, sono diventati di nuovo argomento da discutere e oggetto di un'accesa discussionecon i grillini che hanno denunciato la legge che permette ai partiti di ricevere i finanziamenti pubblici degli anni 2013 e 2014.

Questi erano bloccati dall'ufficio di presidenza di Montecitorio cheaveva negato l'erogazione di 45, 5 milioni di euro, se non primasi fosse procedutoa redigere la relazione di avvenuto controllo dei bilanci della Commissione di garanzia presieduta da Luciano Calamaro.

Il Movimento 5 Stelle, urla dalla voce del blog del suo leader, il comico BeppeGrillo, tutto il suo sdegno per la "leggina truffa" e rincara la dose di polemiche più che lecite, dicendo che, appena tornati in servizio i parlamentari italiani hanno pensato solo a lavorare per le proprie tasche.

Grillo affiancato da Luigi Di Maio, vice presidente della Camera e la senatrice Nunzia Catalfo, dovevano occuparsi della discussione del reddito di cittadinanza, ma non hanno mancato di ricordareil fatto increscioso, già contrari alla legge del GovernoLettasui rimborsi elettoralichesopravviveva e gravava sui cittadini con le donazioni del 2 per mille, con questa nuova decisione uno dei privilegi più deleteri della casta.

I fatti e l'approvazione della leggina truffa.

LaCommissione di garanziadovevadare l'autorizzazione al finanziamento dei fondi destinati ai partiti, ma solo dopoaver controllato la regolarità dei bilanci dei partiti, il 30 giugno il magistrato contabile Luciano Calamaro, presidente della commissione comunica ai presidentiGrasso a Boldrini che, se non si procede prima al controllo non ci sarebbe stato alcun finanziamento.

Sergio Boccadutri, ex tesoriere di Sel, è intervenuto in tutta fretta per rimediare al problema, prepara tutto quanto necessita perfar approvarela sanatoria e riuscire a procedere all'approvazione della legge anche senza controlli rinviandoli al prossimo anno.

Forza Italia ha votato anche a favore, ma il fine è altruistico lo ha fatto pensando a tutti i dipendenti dei partiti che grazie a questa legge hanno diritto, a differenza dei comuni lavoratori, allacassa integrazione straordinaria.

Cosa penseranno gli italiani di tutto ciò? Come il finanziamento ai partiti non era stato eliminato? e ancora si parla tanto di mancanza di coperture,45, 5 milioninon potevanoessere destinati agli esodati e ai precari o altre spese irrinunciabili dello Sato? Quando si vuole si superano i limiti burocratici e le scadenze si rinviano e le coperture si trovano, i cittadini dopo questo mossa sanno bene a chi dare la loro fiducia e decisamente questo non è proprio un Parlamento che li rappresenta.

Segui la pagina M5S
Segui
Segui la pagina Elezioni Politiche
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!