La notizia tanto attesa da moltissimi aspiranti docenti è arrivata: il II ciclo del Tfa (Tirocinio formativo attivo) ordinario 2014, percorso di abilitazione all'insegnamento, è in partenza.

I dettagli sono stati svelati ufficialmente oggi in un comunicato stampa diramato dal Miur, che ha fissato per domani la pubblicazione del relativo bando. Bando che, lo ricordiamo, era atteso per il mese di febbraio 2014, ma era poi stato rimandato più volte per problemi organizzativi e per il cambio di governo da Letta a Renzi. Saranno precisamente 22.450 i posti messi a disposizione dal ministero per il nuovo ciclo del Tfa ordinario. Vediamo tutte le informazioni utili.

Pubblicità
Pubblicità

Tfa ordinario 2014: come fare domanda, scadenza

Le domande per partecipare al II ciclo del Tfa ordinario 2014 andranno presentate per via telematica entro il prossimo 10 giugno presso l'Ufficio scolastico regionale di riferimento. Sarà possibile partecipare alla preselezione per più classi di abilitazione.

Tfa ordinario 2014: le prove di selezione

Una volta inoltrata la propria domanda, sarà possibile partecipare alla preselezioni, il cui inizio è in programma nei prossimi mesi.

Pubblicità

Nel dettaglio, nel comunicato il Miur informa che la prova di accesso si compone di tre step: un test preliminare, una prova scritta e una prova orale. La prova preselettiva, che verifica le conoscenze disciplinari relative alla materia che si vuole insegnare, si svolgerà entro il mese di luglio. Servono almeno 21 punti su 30 per passare allo scritto che si svolgerà nel mese di ottobre. Anche qui sono necessari almeno 21 punti su 30 per passare all'orale che viene superato con un voto minimo di 15 su 20.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Offerte Di Lavoro Scuola

Tfa ordinario: quando iniziano i corsi?

Per chi avrà superato i tre passaggi delle selezioni, il Tfa ordinario II ciclo inizierà nel mese di novembre 2014. Rispettate, e anzi anticipate, le ipotesi più ottimiste dei sindacati, che visto il caos nell'organizzazione del percorso stimavano un inizio dei corsi non prima di dicembre 2014-inizio 2015.

Da ultimo, alcune precisazioni importanti.

Il ministero informa che al nuovo ciclo del Tfa ordinario 2014 saranno ammesse anche le categorie che a vario titolo sono rimaste fuori da altri percorsi di abilitazione: è il caso dei "congelati Ssis", cioè di quelle persone che si erano iscritte ai corsi abilitanti in vigore prima dell'avvento del Tfa, che erano stati sospesi alcuni anni fa, ma è il caso anche di coloro che nell'anno 2013 sono riusciti a superare le selezioni per i Tfa, ma sono rimasti fuori perché gli atenei nei quali hanno sostenuto le prove non disponevano di posti sufficienti per assicurare loro la frequenza dei corsi.

Pubblicità

Il Miur assicura che potranno essere iscritti in soprannumero anche coloro che nel 2013 hanno superato la selezione per l'ingresso in più corsi abilitanti e ne hanno potuto scegliere solo uno.

Tfa ordinario,  la Giannini e le ipotesi per il futuro

Con l'imminente pubblicazione del bando per il Tfa ordinario 2014, il ministro Stefania Giannini dimostra fedeltà alla parola data. Ma ricordiamo che il ministro ha idee molto precise sul futuro: nei prossimi anni si prospetta una rivoluzione per quanto riguarda l'abilitazione degli insegnanti.

Pubblicità

"Oggi - aveva affermato nell'ultimo periodo il ministro - ci sono i Tfa ordinari, quelli speciali, i Pas, le vecchie Ssis, una follia. Detto che il prossimo tirocinio formativo lo confermerò, perché non voglio fermare nulla di ciò che si muove, mi attiverò subito per varare un'unica forma di abilitazione a professore entro il 2018".

"Dovremmo introdurre - ha dettagliato la Giannini - un modello più snello. Penso all'inserimento direttamente nel percorso della laurea magistrale universitaria di un periodo di tirocinio con cui ottenere, al momento della laurea e dopo un esame parallelo alla discussione della tesi, anche l'abilitazione".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto