Il Governo è tornato a farsi sentire sulla questione Pensioni, dopo che l'apertura del Ministro Poletti a un contributo di solidarietà è stata interpretata come una decisione politica già presa, tanto da scatenare un vero e proprio putiferio tra le parti sociali. A intervenire sono stati i membri degli altri partiti politici, i sindacati e i diretti interessati (lavoratori e pensionati), tanto che a un certo punto è sceso in campo lo stesso Premier Matteo Renzi, smentendo categoricamente ogni possibilità di taglio sul welfare ricevuto dall'Inps.

Pubblicità

Pierpaolo Baretta spiega che le risorse arriveranno dalla Spending Review

La conferma delle parole del Presidente del Consiglio è giunta anche da parte di Pierpaolo Baretta. Il sottosegretario all'Economia è stato intervistato su Radio Anch'io e ribadisce che le parole di Poletti erano l'espressione di una delle tante ipotesi personali che il Ministro sta attualmente valutando. Come dire, niente su cui ci sia stata un'approfondita discussione del Governo e nemmeno qualcosa di già deciso. Le parole di Baretta sono state riportate anche dall'Ansa: "non c'è nessuna ipotesi di lavoro nel governo e al Mef per intervenire sulle pensioni".

Piuttosto, a fungere da fonti di finanziamento saranno: "i risultati positivi a consuntivo della lotta all'evasione fiscale, le maggiori entrate Iva derivanti dai pagamenti dei debiti P.a. e dall'ecobonus e i risparmi sullo spread".

Sotto osservazione del Governo tagli alla spesa e alle detrazioni

L'idea sarebbe pertanto di trovare le risorse attraverso un'azione a tenaglia, che consisterà nello sforbiciare la spesa pubblica da un lato e nel recuperare maggiori risorse dal fisco e dalla lotta all'evasione, senza aumentare ulteriormente le imposte.

Pubblicità

Ciò che probabilmente sarà cambiato è il sistema di detrazioni personali e di agevolazioni fiscali alle imprese. L'esempio del sottosegretario è chiaro: "non possiamo immaginare che le detrazioni sui mutui, per le spese veterinarie o le palestre possano essere ancora concesse a tutti a prescindere dal reddito" (fonte dichiarazioni Ansa).