Tutto pronto (o quasi) per la tanto attesa presentazione delle linee guida della riforma della Scuola che verranno annunciate domani, mercoledì 3 settembre, dal Presidente del Consiglio, Matteo Renzi. In realtà, il premier non vuole considerarla come una riforma ma come di un coinvolgimento sulla scuola come è stato precisato ieri, durante la conferenza stampa tenuta in occasione della presentazione del programma 'mille giorni'.

Un'altra novità, inoltre, sarà rappresentata dal fatto che il capo dell'esecutivo non organizzerà, per l'occasione, un evento specifico con la presenza della stampa, ma il progetto per l'istruzione verrà esposto direttamente sul nuovo sito passodopopasso.italia.it.

'Mercoledì sarà il sito a contenere, ed in qualche modo, ad annunciare il percorso di riforma della scuola: più che di riforma parlerei di coinvolgimento sulla scuola.

Tra l'altro ho visto molti di voi giornalisti che hanno detto che noi eravamo indietro...' dice il Presidente del Consiglio mostrando a tutti il dossier già pronto 'questo è il report che è stato preparato già da qualche giorno, se non da qualche settimana, per dire come siamo già assolutamente in condizioni di farlo, ma vogliamo riuscire a dare una visione un pochino più completa di quello che abbiamo fatto.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola Matteo Renzi

E' come se ci fosse un puzzle, la cui cornice per noi è chiara e i cui pezzi, giorno dopo giorno, passo dopo passo, saranno inseriti.'

Passo dopo passo, domani vedremo cosa ha riservato il governo per il futuro della scuola: Renzi continua in questo suo atteggiamento egocentrico sull'argomento e il fatto che la presentazione di domani avvenga solo tramite Web, potrebbe rappresentare un ulteriore segnale del 'gelo' esistente tra il premier e il ministro Giannini. Un'eventuale assenza del numero uno del Miur alla conferenza stampa non avrebbe fatto altro che gettare altra benzina sul fuoco ed, in questo momento delicato, meglio evitare ulteriori ed inutili burrasche con i media: il rimpasto necessario al governo dopo la nomina 'europea' del ministro degli Affari esteri, Federica Mogherini, ci dirà qualcosa in più sul rapporto Renzi-Giannini.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto