Dopo avervi raccontato l'esperienza di un docente all'estero, vorremmo chiarirvi alcuni punti su due figure professionali che possono essere svolte dai docenti all'estero e su cui avete espresso particolare interesse. Si tratta del lettore di italiano e del docente supplente. Iniziamo subito col dire che ci sono due tipi di lettore: quello di ruolo e quello locale. Nel primo caso l'attività svolta presso l'Università straniera sarà a stretto contatto con il docente di italiano. Il lettore di ruolo dovrà gestire il materiale didattico assegnato e curare i rapporti e i contatti con gli enti di cultura.

Inoltre per alcuni lettori di italiano sono previsti degli incarichi extra-accademici che prevedono la promozione della cultura italiana sul territorio estero. Per quanto riguarda i lettori locali, la differenza principale con quelli di italiano è la modalità con cui vengono selezionati. Infatti, gli insegnanti interessati dovranno inviare il curriculum sia in italiano sia nella lingua del Paese all'Università su cui avete espresso la vostra preferenza.

Lettore di italiano: requisti e chi contattare

Per potersi candidare bisogna essere già docenti di ruolo indipendentemente dal grado della Scuola (di secondo grado inferiore o superiore) ed essere in possesso di una laurea in lettere o di lingue straniere.

In quest'ultimo caso il docente dovrà aver sostenuto due esami di letteratura italiana o due esami di lingua italiana. Il lettore di italiano svolgerà il suo ruolo all'estero almeno per 3 anni. Per avere maggiori informazioni potete collegarvi al sito del Ministero degli Affari Esteri. Qui potrete decidere se inviare una mail o contattare telefonicamente l'ufficio di competenza.

Il docente supplente: requisiti e a chi rivolgersi

Il docente che intende candidarsi per tale figura dovrà essere inserito in un'apposita graduatoria che durerà un triennio.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Scuola

Per quanto riguarda i requisiti, possono presentare domanda coloro che sono in possesso dei crediti necessari per la classe di concorso in cui chiedono di essere inseriti in graduatoria. Per avere la possibilità di essere inseriti in graduatoria bisognerà attendere il 31 agosto 2016, perché, stando all'ultima comunicazione del Ministero degli Affari Esteri, la validità delle graduatorie del 2012-2015 è stata prorogata alla data precedentemente indicata. Per avere maggiori informazioni potete consultare il sito del Ministero degli Affari Esteri, dove nella sezione contatti potrete comunicare agli uffici di competenza le vostre specifiche richieste.

Per rimanere aggiornato sul mondo della scuola, sui bandi del TFA sostegno pubblicati, sulla Buona Scuola e sull'abilitazione all'estero e come funziona il riconoscimento in Italia, clicca in alto sul tasto Segui.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto