Porte aperte per 130 giovani da inserire in archivi, musei e biblioteche. Il ministero dei Beni culturali pubblicherà a breve un bando entro il mese di Luglio per selezionare nuove risorse nelle proprie strutture. Il progetto rientra nell'ambito di "Mille giovani per la cultura" previsto dal decreto legge "Art-Bonus" dello scorso anno. Quindi anche quest'anno il Mibact apre i battenti per tirocini retribuiti 1000 euro al mese per la cultura, la tutela e la valorizzazione del nostro stupendo patrimonio artistico.

Pubblicità

Il ministro Franceschini infatti ha applaudito all'iniziativa lanciata nel 2014, che ha registrato un grande successo per l'occupazione giovanile e il mondo dell'arte e dei beni culturali.

I tirocini del Mibact per lavorare con la cultura

Il ministero dei Beni culturali (Mibact) è alla ricerca di giovani under 29 da inserire con tirocini da 1000 euro al mese per un periodo di 6 mesi, un importo paragonato alle borse di dottorato universitarie. Nello specifico i posti di lavoro, 130, sono suddivisi così: 50 per l'archivio centrale dello Stato, l'istituto centrale per gli archivi, le soprintendenze artistiche, gli archivi di Stato, le biblioteche nazionali di Roma e Firenze e le biblioteche statali. Altri 50 nei poli museali regionali e nella direzione generale dei musei; altri 30 nelle soprintendenze di Pompei, Ercolano e Stabia.

Tutti i requisiti per partecipare e fare domanda

I requisiti per partecipare al futuro bando sono rivolti a tuti quei laureati in archeologia, architettura, archivistica, biblioeconomia, beni culturali, economia e gestione dei beni culturali, e tutti quei corsi di laurea che abbracciano il mondo dell'arte, dei libri e della cultura. Spazio anche i laureati in ingegneria e per le scienze della cultura quindi. Maggiori informazioni sui corsi di laurea idonei per il bando si possono trovare in "Roma Lavoro giovani" nell'edizione numero 173.

Bisogna attendere il bando di pubblicazione che uscirà entro il mese di Luglio. Potete consultare il sito web alla voce beniculturali.it oppure seguire gli aggiornamenti con gli account facebook o twitter del Mibact.

Pubblicità

Oppure cliccare sul mio nome alla voce "Segui" per ricevere le news.