Qualche ora fa, è stato pubblicata sul blog di Beppe Grillo una sua dichiarazione al vetriolo nei confronti del premier Renzi: 'Quello che sta facendo il Governo è molto chiaro: invece di cambiare la riforma Fornero, cerca di prendere altre risorse dai lavoratori ai quali è stata alzata l'età pensionabile'. Secondo il leader M5S, questo allungamento potrebbe non dare la possibilità di arrivare al giorno della pensione con una serenità economica.

Beppe Grillo è molto critico sulla possibile riforma che prevede le penalizzazioni in caso di pensione anticipata

Beppe Grillo con le sue dichiarazioni fa riferimento al fatto che per anticipare l'uscita dal lavoro, i lavoratori dovranno subire una penalizzazione.

Pubblicità

Un modo per consentire all'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale di risparmiare denaro nel medio e lungo termine. Tutto questo, sempre secondo l'ex comico, va in netto contrasto con le Pensioni d'oro che tuttora vengono erogate.

Le due proposte più plausibili sono Quota 97 e Quota 41

Al momento, le due proposte che sembrano rimanere in piedi al vaglio dell'Esecutivo guidato da Matteo Renzi, sono le cosiddette 'Quota 97' e 'Quota 41'. La prima prevede di far lasciare il lavoro ad un'età anagrafica di 62 anni con 35 anni di versamenti contributivi con l'applicazione di una penalizzazione che potrebbe arrivare anche all'8 percento.

I lavoratori precoci potrebbero andare in pensione al raggiungimento dei 41 anni di contributi

La seconda proposta, invece, è prevista solamente per i lavoratoti precoci, quelli cioè che hanno iniziato a lavorare prima dei 18 anni, e che consiste nel far raggiungere la pensione al raggiungimento dei 41 anni di contributi, indipendentemente dall'età anagrafica e senza alcuna penalità da applicare al trattamento pensionistico.

Vedremo cosa succederà nelle prossime settimane, quando il governo Renzi dovrà prendere una decisione su come riformare l'attuale legge previdenziale attualmente in vigore e se deciderà di inserire l'eventuale provvedimento nella prossima Legge di Stabilità.

Pubblicità