Il premier è "per nulla attento alla società", questo l'attacco che arriva oggi da Matteo Renzi da Stefano Rodotà. Il giurista, già "candidato" al Quirinale, non usa mezzi termini sul presidente del consiglio e segretario del Pd. E critica l'atteggiamento assunto alla riforma della scuola e delle Pensioni. Secondo Rodotà, Renzi cerca di "scomporre la società, come se fosse fatta - ha detto il giurista oggi nel corso della sua lectio magistralis tenuta alle giornate del lavoro organizzate dalla Cgil a Firenze, la città del premier - da entità distinte".

Riforma pensioni e ddl Buona Scuola, Rodotà attacca Renzi

Rodotà critica i mancati confronti con le parti sociali sulla riforma scuola e sulla riforma pensioni 2015 così come quella che lui definisce la "logica plebiscitaria della comunicazione diretta", facendo riferimento alle slides o alle lavagna con il gessetto. Un tipo di comunicazione sintomo del fatto che il premier, secondo Rodotà, "considera gli italiani degli scolaretti".

"Renzi ha detto che di riforma - ha aggiunto il giurista parlando del ddl Buona Scuola - non parlerà con i sindacati e con i partiti, ma con i professori e con gli studenti. Ma questo - ha sottolineato Stefano Rodotà - è diverso da quanto previsto dalla stessa Costituzione italiana". Il giurista ha sottolineato, infatti, che la carta costituzionale assegna a partiti e organizzazioni sindacali un ruolo importante in cui, in parte, "si riconosce la società".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni Matteo Renzi

Il giurista: 'Renzi scompone la società e comunica da plebiscito'

Rodotà ha toccato anche il capitolo della riforma pensioni partendo dalla sentenza della Corte Costituzionale sulla legge Fornero e dal successivo decreto del Governo Renzi, ora in via di conversione in legge, per correre ai ripari sulla reindicizzazione dei trattamenti previdenziali del 2012 e del 2013. Secondo Rodotà si tratta di una decisione che afferma ancora una volta "i diritti sociali non sono disponibili per il legislatore, anche quando - ha spiegato l'esperto di sistemi giuridici - si assiste al paradosso che violazioni così grosse possono comunque passare, magari - ha evidenziato criticando l'atteggiamento dell'esecutivo - con un 'pizzino' in cui si avverte la Corte costituzionale che rivedere una determinata legge può avere costi elevati".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto