"Chi si trova a fare i conti con la povertà assoluta, va assistito con un reddito minimo: i milioni di pensionati che arrivano fino a 600 euro al mese debbono avere una indicizzazione adeguata dell'assegno e non l'assistenza; potenziamo loro la quattordicesima istituita dal Governo Prodi portando la cifra erogata a luglio di ogni anno a 700 €" ha spiegato in alcune riflessioni riportate dall'Ansa il Presidente della Commissione lavoro alla Camera Cesare Damiano, sottolineando anche il problema dei disoccupati in età avanzata che vivono situazioni di disagio.

Pubblicità

In questo caso "si tratta di attuare la flessibilità previdenziale consentendo ai lavoratori di andare in pensione a partire dai 62 anni" perché "in questo modo avremo meno poveri e più giovani al lavoro". Quest'ultimo tema resta sicuramente uno dei nodi più urgenti da sciogliere nel groviglio composto da welfare e previdenza pubblica, tanto che l'esecutivo ha già promesso di inserire dei corretti all'interno della prossima legge di stabilità. Resta il fatto che le proposte di Damiano (ricordiamo anche quella in favore dei precoci con 41 anni di contribuzione) siano ancora in fase di valutazione.

Pensioni e povertà, i nuovi dati Istat contenuti nel Report sulla povertà in Italia

I dati a cui fa riferimento il Presidente della Commissione lavoro sono quelli contenuti all'interno del report sulla povertà in Italia, che l'istituto di statistiche nazionali pubblica annualmente registrando l'andamento del fenomeno sul nostro territorio. Secondo i nuovi dati, sarebbero circa 7.815.000 persone i cosiddetti poveri relativi, mentre il numero dei poveri assoluti ammonterebbe a 4.102.000 individui.

Pubblicità

Il Presidente dell'Inps Boeri ha invece parlato recentemente di un numero molto più elevato di soggetti in difficoltà, ovvero di circa 14.600.000 di poveri. Un dato che però fa riferimento a coloro che vivono una situazione di deprivazione, cioè di nuclei familiari che hanno difficoltà nel stare al passo con le spese e nel garantirsi un tenore di vita adeguato alle proprie esigenze.

Come da prassi, vi confermiamo la nostra disponibilità a pubblicare commenti contenenti le vostre idee e opinioni sulle vicende appena riportate, mentre per ricevere tutti i prossimi aggiornamenti sul campo della previdenza vi ricordiamo di usare il comodo tasto "segui" che vedete in alto, vicino al titolo dell'articolo.