Se il governo Renzi e il premier in persona speravano che il polverone sollevato con la mobilitazione contro la riforma scuola 2015 rientrasse, complice il caldo estivo e la voglia di "vacanza", dovrà probabilmente ricredersi: il mondo della Scuola e delle associazioni (spesso indipendenti da qualsiasi sindacato) restano sul piede di guerra e gli appuntamenti e le discussioni proseguono con grande lena e partecipazione. Non si vedeva una mobilitazione così complessa e articolata da decenni e la riforma scuola Renzi, nonostante sia oramai in dirittura d'arrivo e sia passata con un "colpo di mano politico", la richiesta della fiducia ad un maxiemendamento non discusso in Commissione, potrebbe presentare importanti profili di incostituzionalità: a sostenerlo è Alberto Lucarelli, docente di Diritto Costituzionale dell'Università di Napoli "Federico II".

Pubblicità
Pubblicità

La mobilitazione contro la riforma scuola Renzi continua

Le strategie che le associazioni e i docenti intendono mettere in campo contro la riforma scuola Renzi sono molteplici e variegate.

In primo luogo, la manifestazione del 7 luglio, quando il ddl "Buona scuola" sarà con ogni probabilità approvato alla Camera (il PD, del resto, non ha presentato neanche un emendamento): la speranza non è di bloccare l'iter parlamentare, quanto dimostrare come il mondo della scuola non si arrenda - l'appuntamento viene considerato particolarmente importante.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola

In secondo luogo, una strategia di "pressione" sul Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, affinché non apponga la sua firma alla riforma scuola Renzi: la motivazione sono i profili di incostituzionalità che il provvedimento porta con sé. Secondo il costituzionalista e docente Alberto Lucarelli sono molti gli indizi di incostituzionalità: 1) l'alternanza scuola-lavoro lede la costituzionalità del "diritto allo studio": imporre come obbligatorie 400 ore di lavoro potrebbe costituire un vulnus; 2) la scelta dei docenti da parte del preside-padrone e la possibilità di essere chiamati per altre classi di concorso potrebbero costituire un vulnus per quanto riguarda l'uguaglianza e la libertà d'insegnamento, ma anche per quanto riguarda l'imparzialità dell'agire amministrativo; 3) le premialità e le penalizzazioni decise dal preside-padrone ledono ancora una volta la costituzionalità della "libertà d'insegnamento" (non c'è criterio oggettivo: in teoria, un preside potrebbe agire a seconda della simpatia individuale o perché un docente è più "mansueto" di un altro); 4) le risorse esterne per la scuola violerebbero il principio per il quale l'istruzione deve essere garantita a tutti alla pari: una zona più ricca potrebbe attrarre più risorse e la scuola diventare più "ricca", una zona più povera non attirerebbe risorse e la scuola continuerebbe a divenire ancora più "povera".

Pubblicità

Infine, si fanno avanti altre ipotesi: quella del referendum abrogativo, per il quale, però, sarebbero necessarie circa 2milioni di firme e lo sciopero a settembre del primo giorno di scuola.

Insomma, la riforma scuola Renzi continua a non piacere al mondo della scuola e continua a presentare profili di incostituzionalità, non resta che attendere cosa succederà nei prossimi tempi. Se volete restare aggiornati su questa questione, il consiglio è di cliccare su "Segui" in alto sopra il titolo dell'articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto