Le proteste e le critiche contro il piano assunzioni del Miur non riguardano soltanto i posti 'comuni', ma anche quelli del sostegno. A questo proposito, vorremmo menzionare la lettera indirizzata al noto portare di riferimento per il mondo della Scuola 'Orizzonte Scuola', firmata dal Gruppo Sostegno Doc.

In questa missiva si fa esplicita richiesta dell'estensione del piano di mobilità straordinaria predisposto dal Ministero dell'Istruzione per l'anno scolastico 2016/7, anche agli insegnanti di sostegno.

Disparità di trattamento rispetto ai neo immessi fase C piano assunzione Miur

Nella lettera, infatti, si fa notare come i docenti, in passato, non abbiano avuto la possibilità di operare una scelta nell'immissione in ruolo, sia che essi provenissero dalle graduatorie ad esaurimento o come vincitori di concorso.

Questa possibilità, al contrario, verrà concessa ai neo immessi in ruolo della fase C, facenti parte del cosiddetto organico di potenziamento: a questi insegnanti, nonostante abbiano conseguito un punteggio minore in graduatoria, verrà data la possibilità di scegliere liberamente e, inoltre, avranno il permesso di spostarsi dove meglio lo riterranno opportuno.

Sostegno, i docenti chiedono di poter presentare domanda mobilità nel 2016/2017

Per i docenti di sostegno già assunti, oltre alla beffa di non aver avuto la possibilità di scegliere tra posto comune e sostegno, arriverà una seconda ingiustizia: quella cioè di non partecipare al piano di mobilità straordinaria come conseguenza del vincolo quinquennale a cui sono sottoposti.

Ecco perchè si fa appello al Ministero dell'Istruzione affinchè venga concessa una deroga, unicamente per l'anno scolastico 2016/7, attraverso la quale si possa permettere anche ai docenti di sostegno già immessi in ruolo negli anni precedenti, di poter presentare domanda di mobilità.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Scuola

In caso contrario, questi insegnanti si troveranno costretti a ricorrere alle vie legali per evitare che si realizzi quella che è stata giudicata come un'enorme disparità di trattamento.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto